New York contrariata dall’ultimo Grand Theft Auto

AccessoriWorkspace

Un portavoce del sindaco Michael Bloomberg ha dichiarato pubblicamente che il
suo capo non gradisce nessun gioco in cui si guadagnano punti ferendo o
uccidendo poliziotti

LA CITTÀ di New York non è contenta essere stata scelta come ambientazione per l’ultima versione del gioco violento Grand Theft Auto . Un portavoce del sindaco Michael Bloomberg ha dichiarato pubblicamente che il suo capo non gradisce nessun gioco in cui si guadagnano punti ferendo o uccidendo poliziotti. I trailer del nuovo gioco che usciranno giovedì mostrano la Statua della Libertà, il ponte di Brooklyn e le montagne russe ?Cyclone? di Coney Island. Per Bloomberg la scelta di New York come scenario di un gioco come GTA non è certo felice. Il suo portavoce è fiero di sottolineare che da quando Bloomberg è in carica i furti d’auto si sono dimezzati e gli omicidi sono diminuiti del 28%. Il capo della polizia di New York Raymond Kelly ha detto ai giornalisti che è scandaloso istigare alla violenza tramite giochi come questo, nonostante la trama sia naturalmente inverosimile. Ci chiediamo se allora smetterà di far trasmettere nei reality televisivi filmati di sparatorie o di inseguimenti in auto girati insieme alla polizia.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore