Nexus 5, Android KitKat su uno smartphone di ottima qualità a un prezzo ragionevole

Mobile OsMobilityWorkspace
Google Nexus 5, Android KitKat a un prezzo ragionevole
3 0 1 commento

TEST e SLIDESHOW – Nexus 5 è disponibile su Google PlayStore a partire da 349 euro. Lo smartphone prodotto da LG è tra i migliori Android KitKat già disponibili, a un prezzo equilibrato, con l’agile sobrietà della scelta software dei Nexus

Con il prezzo di 349 euro (399 euro per la versione con 32 Gbyte di memoria) Nexus 5, prodotto da LG (è riconosciuto anche dalla sigla LG-D821), con il marchio e l’imprimatur di Google, è tra gli smartphone Android migliori in circolazione sul mercato. La ricetta, lo diciamo subito, è quella giusta: uno smartphone di fascia alta al giusto prezzo, senza brandizzazione.

I vendor infatti tendono a personalizzare con store proprietari i loro device. Ora il mercato guarda con apprensione anche alle loro strategie di convergenza tra smartphone, televisori ed elettrodomestici che il cliente paga a caro prezzo, perché nella maggior parte dei casi si tratta di scelte di sistema monobrand. E’ conveniente la scelta di un unico marchio per essere sicuri di poter utilizzare con facilità e piena compatibilità le interazioni previste tra smartphone, televisori e elettrodomestici? E’ giusto pensarci due volte prima di lasciarsi affascinare del tutto dalla proposta di un unico sistema.

Nexus 5, descrizione e specifiche

Le specifiche di punta di questo smartphone iniziano dal display e si tratta di un full hd IPS, con risoluzione 1.920×1.080 e con densità di 445 ppi, elevatissima, ricoperto con vetro Corning Gorilla Glass 3. Con la diagonale di 4,95 pollici, a occhio nudo, è praticamente impossibile identificare il singolo pixel. E la visualizzazione, come anche la lettura anche di caratteri piccolissimi, sono eccellenti. Nexus 5 misura  69,17 x137,84×8,59 mm e pesa 130 grammi. E’ uno smartphone del tutto tascabile, ancora utilizzabile con una mano sola. Più che buona la fattura complessiva. Nexus 5 non ha un coperchio di accesso a batteria e a componenti interni, anche se non si tratta di un vero monoscocca in blocco unico, e la memoria non è espandibile. Il dorso gommato, ora disponibile in diverse varianti colore (nero in prova, bianco e rosso), offre un ottimo grip.

Google Nexus 5
Google Nexus 5

La fotocamera non è al livello degli smartphone più costosi in commercio, con una risoluzione di 8 Megapixel è più che sufficiente nella maggior parte degli utilizzi (autofocus, stabilizzatore ottico e illuminatore sono presenti, insieme al nuovo HDR+ per le foto in successione). Quella frontale è di servizio con un sensore da 1,3 Megapixel.

Il motore di Nexus 5, in attesa che si diffondano le soluzioni octacore, è comunque tra i migliori: si tratta del quad-core Qualcomm Snapdragon 800 a 2,26 GHz, con Gpu Adreno 330 che lavora a 450 MHz e integrato da una Cpu Krait 400. Nexus 5 può contare su 2 Gbyte di Ram. Nutrito bene il comparto per le comunicazioni senza fili con Wi-Fi con doppia banda 802.11 ac, NFC (Android Beam), Bluetooth 4.0 LE. Lo smartphone supporta le reti LTE, sono supportate le bande LTE 1/2/4/5/17/19/25/26/41/1/3/5/7/8/20. La capacità della batteria è di 2.300 mAh, analizzeremo in seguito l’autonomia.

Nexus 5 sfrutta anche Gps, giroscopio, accelerometro, bussola, luce ambientale e sensore di prossimità, sensore di pressione, ed Effetto hall. Spieghiamo questo ultimo: si tratta di un senosre di campi magnetici, serve quindi, in questo caso, per impostare determinate modalità di utilizzo del dispositivo (per esempio con le custodie che spengono il display).

Da un punto di vista ergonomico, non abbiamo rilievi critici da fare, controllo volume sulla sinistra e tasto di accensione in alto a destra sono la disposizione più funzionale. Abituati con iPhone 5 pensiamo, opinione personale, che il tasto di accensione spostato sul profilo superiore sia anche meglio.

Google Nexus 5

Image 1 of 9

Google Nexus 5 con Google Print

Nexus 5 il software e KitKat

KitKat 4.4.2 è l’ultima versione di Android. Le caratteristiche innovative del sistema sono legate all’usabilità complessiva decisamente migliorata. Per quanto riguarda l’apparato telefonico Nexus 5 che abbiamo in prova, vogliamo sottolineare quelle di maggior interesse per noi. Così, ora, se lo smartphone non riconosce un numero di telefono in rubrica tenta l’indentificazione su un database di aziende che ricerca anche su dati via Web; inoltre KitKat assegna in automatico una priorità ulteriore alle persone con cui si parla più di frequente, KitKat e questo device supportano Google Print per la stampa da remoto, permettono il salvataggio da diverse app, compreso QuickOffice, direttamente sui servizi in cloud più conosciuti. Tutti i messaggi inoltre , questo è già risaputo, convergono nella app Hangouts che si candida a strumento di comunicazione multipiattaforma a tutto tondo. Nexus 5 integra il contapassi, funzionale per le applicazioni di fitness. E ancora, è stato velocizzato il multitasking e con le app cosiddette immersive (per esempio quando si legge o si guarda un film) eventuali elementi di disturbo vengono ‘spenti’ e messi in secondo piano.

Nexus 5 Red
Nexus 5 Red, è disponibile da pochi giorni anche in Italia nella variante rossa.

Nexus 5 esperienza d’uso e giudizio

L’utilizzo di Nexus 5 non riserva brutte sorprese in alcun comparto. E’ vero che la fotografia non è l’ambito di eccellenza di questa proposta, è vero però che nel complesso si tratta di una proposta che non mostra alcun punto debole che sia anche critico da pregiudicarne un utilizzo di complessiva soddisfazione; Nexus 5, soprattutto, costa il giusto (a partire da 349 euro, e subito disponibile su Google PlayStore) e, soprattutto per quanto riguarda l’usabilità,  dà piena soddisfazione. Anche le semplici opzioni di riconoscimento vocale, documentano miglioramenti di rilievo. Ottima la fluidità del display e l’esperienza touch, fluido il passaggio tra le diverse applicazioni. Sobria la dotazione software, che ognuno si personalizzerà come vuole ma che significa anche piena compliance con gli strumenti Google e maggiore velocità ad avere disponibili le versioni di Android successive a quella preinstallata che è già KitKat, mentre per i modelli dei diversi vendor tutti ben sappiamo che ci si affida alle promesse e ai tempi – spesso biblici, se non indeterminati – dei vendor o degli operatori.

Buona è l’autonomia, non ottima. Non parliamo del primo della classe, certo, e bisogna considerare che il corrispettivo più vicino a Nexus 5 proprio del produttore LG (LG 2) da questo punto di vista offre decisamente di più, ma la sua batteria è di ben altra capienza. Solo l’esperienza di gioco in 3D drena velocemente e riduce a circa 2,30 l’utilizzo. Tutti gli altri task consentono un utilizzo dello smartphone per più di una normale giornata di lavoro, con la possibilità di continuare a utilizzare la semplice chiamata telefonica di poco oltre le 12 ore.+

Android KitKat
Android KitKat

Se l’autonomia non è da record, le prestazioni della configurazione hardware danno piena soddisfazione. Nexus 5, da noi provato, ha meritato 24542, alle spalle di Htc One e di Samsung Galaxy S4, più indietro di qualche posizione anche di LG G2 e di Xperia ZUltra e Galaxy Note 3 (phablet) che in questi ordini di grandezza sono i migliori.

Non bastano i 3DMark IceStorm Extreme per quiesto smartphone che va Maxed Out, con la versione Unlimited invece il punteggio ottenuto è un ottimo 13.691, tuttavia inferiore a quanto ottenuto da Sony Xperia Z1S, vicinissimo, allo stesso tempo in questo caso superiore a LG G2.

Il nostro giudizio complessivo, proprio considerato il prezzo è di assoluta soddisfazione. Consigliamo, senza dubbio, di valutare questa proposta con la dovuta attenzione, per ogni tipologia di utilizzo… E quasi per qualsiasi portafoglio.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore