Nielsen corregge i numeri sui download su iPad, ma il tablet di Apple rischia una causa per violazione marchio

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace

Nielsen fa retromarcia: solo un utente su dieci non scarica apps su iPad (circa il 9%), e non un terzo degli utenti. Però per Apple non filas tutto liscio con il marchio iPad. Si profila una causa in Cina e Usa con un’azienda di Taiwan

Solo un utente su dieci non scarica apps su iPad (circa il 9%), e non un terzo come detto in un primo tempo. Nielsen corregge i numeri forniti nei giorni scorsi. Ma anche se i numeri danno ragione a Apple, non fila tutto liscio per l’azienda guidata dal Ceo Steve Jobs.

Il Financial Times riporta, infatti, che Apple rischia una causa in Cina per violazione marchio. La Taiwanese Proview minaccia di portare Apple in tribunale per infrazione di trademark. La causa tra l’altro dimostra la complessità del branding nei mercati del Far East. Proview vuole fare guerra ad Apple non solo in Cina, ma anche negli Usa. Dieci anni fa l’azienda Taiwanese lanciò un tablet I-Pad (di scarso successo), registrando i trademark per il marchio IPAD in EU, Cina, Messico, Sud Corea, Singapore, Indonesia, Tailandia e Vietnam tra il 2000 e il 2004.

Ricordiamo che Apple acquisì il marchio iPad da Fujitsu, nei giorni seguenti al lancio del tablet. A proposito di marchi violati, Apple lancerà LaunchPad con Mac Os X: ma anche il nome LaunchPad viola un marchio di Canonical (il vendor della distribuzione GNU/Linux Ubuntu), legato alla community open source alla caccia di bug.

Nielsen si corregge: solo il 9% non scarica Apps su iPad
Nielsen si corregge: solo il 9% non scarica Apps su iPad
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore