Nielsen premia l’advertising online

AziendeMarketingMercati e FinanzaPubblicitàWorkspace
Nielsen: Advertising online in negativo ad ottobre

Su Internet è boom degli inserzionisti pubblicitari: in crescita del 27,4%. L’advertising online mette a segno un balzo del 17,7%

Gli investimenti pubblicitari si attestano ad oltre 260 milioni di euro, in crescita del +5,2% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Agosto ha confermato la tendenza positiva dell’advertising in Italia. Lo riporta Nielsen. Nei primi 8 mesi gli investimenti pubblicitari sono aumentati del +4,8% rispetto al 2009 superando i 5,3 miliardi di euro. La crescita è ben distribuita e riguarda tutti i settori principali in termini di valore della spesa pubblicitaria: i primi 5 del mercato (alimentari, automobili, Tlc, bevande/alcolici e abbigliamento) sono cresciuti in linea con l’andamento del mercato.  Aumenta il numero di inserzionisti pubblicitari, in particolare su internet (+27,4%).

Nell’ultima parte dell’anno sarà da valutare se e quanto rallenterà la crescita dell’advertising andandosi a confrontare con il miglior periodo del 2009. Nielsen stima che, ad eccezione della stampa, tutti i media principali hanno messo a segno crescite superiori alle aspettative.

La Tv, considerando sia i canali generalisti che quelli satellitari (Sky e Fox) archivia i primi otto mesi dell’anno registrando una crescita del +7,7%; la raccolta pubblicitaria è superiore ai 2,9 miliardi di euro.

Crescita dell’advertising a due cifre per radio (+12,8%) e internet (+17,7%). Sulla radio il settore principale è sempre automobili che registra il + 4,4%, ma la spinta maggiore viene da distribuzione (+35,6%) e telecomunicazioni (+35,2%).  Sul web invece sono media/editoria (+58,5%) e automobili (+27,3%) a chiudere i primi 8 mesi con gli aumenti più brillanti.

Per la stampa si conferma la differenza tra quotidiani a pagamento da una parte e free press e periodici dall’altra. Mentre i primi a livello di commerciale nazionale sono in crescita rispetto al 2009 (+3,0%), il calo colpisce free press e periodici (rispettivamente -10,8% e -8,4%). Tra gli altri mezzi sono in crescita direct mail (+5,7%) e outdoor (+8,9%). Calma piatta, rispetto al 2009, per cinema, cards e transit.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore