No ai regali Microsoft nelle scuole

Management

Apple e i produttori di computer si oppongono alla donazione di software Microsoft alle scuole, ritenuto un ulteriore danno al mercato

Uno dei punti del patteggiamento di Microsoft con il Dipartimento di Giustizia americano prevedeva la donazione di una ingente quantità di software alle scuole, come riparazione ai danni causati dallazienda agli stati. Questa soluzione sta però sollevando rumorose polemiche secondo lassociazione dellindustria del computer americana (CCIA) e molti produttori di software, in questo modo si permetterebbe a Microsoft di allargare in modo irregolare e anticompetitivo la propria quota di mercato nel settore delleducazione, probabilmente lunico nel quale Microsoft ha avuto finora una posizione di minoranza. Particolare scalpore ha suscitato la protesta di Apple, leader nel mercato educational americano una memoria di 30 pagine nelle quali i legali dellazienda sostengono che è necessario lasciare alle scuole e alle università la possibilità di scegliere quali computer e quali software utilizzare (circa la metà dei computer utilizzati nelle scuole americane sono Macintosh). Queste affermazioni stridono con latteggiamento amichevole instauratosi tra le due aziende dopo il ritorno di Steve Jobs in Apple. Recentemente Microsoft aveva ritirato i suoi, seppur modesti, investimenti in Apple che sia linizio di un nuovo periodo di rivalità tra le due aziende?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore