Nokia, Microsoft e gli smartphone con Android. Il parere dei responsabili in Italia

AziendeMarketingMobile OsMobility
Stephen Elop svela Nokia X con Android a MWC 2014
1 0 Non ci sono commenti

VIDEO e interviste a Paola Cavallero, direttore generale Nokia Italia, e Davide Alemani responsabile Microsoft Italia per Win Phone. La proposta degli smartphone Nokia X e il futuro di Windows Phone

Tra le novità e i temi che hanno animato maggiormente i dibattiti a MWC 2014 c’è stato certamente quello di Nokia, prossima alla definitiva acquisizione da parte di Microsoft (al momento sono ancora due aziende distinte), che ha presentato a Barcellona i nuovi smartphone con la proposta Android sui Nokia della serie X. Anche in rete si è acceso un dibattito senza precedenti, con le più svariate opinioni, qualcuno è arrivato a sostenere che Microsoft potesse abbandonare Windows Phone, per proporre tutti i propri servizi semplicemente su Android, qualcuno più realisticamente ha ipotizzato che Nokia avesse nel cassetto quei device, ideali per i mercati emergenti, e che quindi, proprio prima della zampata di Microsoft sarebbe stato il caso di farli fruttare.

E qualcuno sostiene semplicemente che si può pensare a Nokia, anche dopo l’acquisizione di Microsoft, come brand che propone smartphone con servizi di valore anche se con Android.

MWC 2014 è stata per noi l’occasione di raccogliere i pareri di chi, come nessun altro, può spiegare la situazione in Italia e cioè Paola Cavallero, Direttore Generale di Nokia, e Davide Alemani, responsabile Windows Phone per Microsoft. Domande e risposte le proponiamo nei nostri video.

Nei giorni della fiera non si poteva non esordire con la richiesta di un commento riguardo proprio la proposta Nokia con Android.

Paola Cavallero, Direttore Generale di Nokia Italia, spiega che quello di Nokia è un arricchimento della propria offerta, e come Nokia X consenta l’accesso a tutte le applicazioni del mondo Android, ma anche ai servizi Microsoft e Nokia (con una parziale sovrapposizione in alcuni ambiti). Il mercato italiano, tra l’altro è portato ad esempio non solo in Europa, ma nel mondo, per i risultati ottenuti con i Lumia, una strada che per il 2014 è destinata ad arricchirsi ulteriormente.

La piattaforma X piacerà a un pubblico giovane, e i punti di forza della proposta Nokia saranno proprio la continuità di proposizione, con il medesimo approccio, ma anche con un range di prezzo sensibilmente inferiore ai 100 euro fino ai top di gamma allineati nel prezzo ad iPhone e Samsung Galaxy. Senza contare i telefonini della gamma Asha.

Alemani ben ha spiegato che Nokia e Microsoft sono ancora due aziende separate, con l’acquisizione non ancora completata e che quindi ogni azienda fa la sua strategia. Alemani si è mostrato soddisfatto e ha apprezzata la presenza proprio su un device Android di servizi Microsoft come OneDrive e Skype. Ma allo stesso tempo ha confermato che Microsoft è del tutto focalizzata su Windows Phone e questa rimane la strategia che prevede nuova apertura al business con nuovi nove. Si respira comunque aria di attesa, perché l’originalità della proposta probabilmente sarà pienamente compresa solo più avanti.

Ci saranno con Windows Phone Lenovo e LG, quindi per un’apertura sempre più aperta, e nella tarda primavera arriverà un importante aggiornamento Windows Phone con Facebook Messenger dietro l’angolo, tra qualche settimana. L’esigenza primaria è quella di una perfetta integrazione con i sistemi per i tablet e i laptop. E’ questo l’obiettivo finale: un intero ecosistema e la convergenza su tutti i device, anche per gli sviluppatori. Sarà interessante vedere se Microsoft può permettersi, con Android che detiene queste quote di mercato e la crescita di Windows Phone che stenta ad andare in accelerazione, se fa gioco a Redmond tenere alcuni dei propri servizi chiave fuori dagli smartphone Google. Il resto in video…

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore