Nokia Ovi Store sfida App Store

Mobility

Apre il supermercato delle applicazioni di terze parti di Nokia: entro la settimana sarà attivo in tutto il mondo

Parte dall’Australia e da Singapore la sfida di Nokia Ovi Stor e a Apple App Stor e. Apre il supermercato delle applicazioni di terze parti di Nokia: entro la settimana sarà attivo in tutto il mondo.

Nokia sfida l’App Store per Apple iPhone, ma anche quello di Vodafone , Microsoft Windows Marketplace for Windows Mobile, Rim Blackberry App World, Android Market di Google, Nokia Ovi Store (lanciato a Mwc, ma disponibile da maggio) e Samsung .

Come previsto , Ovi Store di Nokia sarà un software e media store, ma chiamerà a raccolta una comunità di sviluppatori, sulla scia di Apple e Google Android. Il primo modello con l’accesso a Ovi Store sarà l’N97, il primo touchscreen della serie N. Il 70% dei ricavi andrà agli sviluppatori: attualmente 3,5 milion i sono i developer del Forum Nokia.

Nokia personalizza i contenuti su Ovi Store grazie alla social location. La funzione “Social location” rinnova l’offerta di servizi e offre nuove opportunità di business ai content provider con un parco clienti stimato di 300 milioni nel 2012.

App store di Apple, lanciato a luglio, ha registrato 20 mila applicazioni disponibili e 500 milioni di download. E si è rivelato una killer app per trainare le vendite dell’iPhone. Secondo Strategy Analytics, il mercato dei contenuti mobili è destinato a crescere del 18% a 67 miliardi di dollari. Anche Microsoft e Rim stanno per entrare nel mercato dei bazaar online.

A differenza degli altri storefront tradizionali per telefoni cellulari, l’Ovi Store sarà in grado di individuare i contenuti più adatti ai singoli utenti grazie alla capacità Nokia di acquisire e utilizzare i dati di localizzazione e le social connection degli utenti offrendo loro servizi più personalizzati: da qui in avanti non si tratterà più semplicemente di “quali” contenuti si acquistano, ma anche di “dove”, “quando”, “perché” e “chi” li acquista. Gli utenti potranno attivare la social discovery, in modo da poter fruire dei contenuti utilizzati nei propri social network e renderli disponibili per il download o l’utilizzo ripetuto; i contenuti saranno inoltre presentati in base al luogo in cui ci si trova in modo da poter fornire l’esperienza più adatta rispetto al luogo.

L’Ovi Store rappresenterà il consolidamento in un unico canale delle esperienze fatte con i servizi di contenuti di Download!, MOSH e WidSets.

Da marzo i provider di contenuti, gli sviluppatori e l’intero ecosistema di sviluppatori del Forum Nokia caricano i propri servizi su publish.ovi.com ed essere così i primi a distribuire i propri contenuti attraverso l’Ovi Store. I content provider posso registrarsi da oggi sul sito.

I contenuti potranno essere pagati tramite carta di credito o mediante metodi di addebito telefonico. Grazie alle diverse modalità di pagamento possibili, i fornitori e gli sviluppatori di contenuti potranno raggiungere anche i consumatori di quei mercati dove le carte di credito non sono utilizzate.

SecondoStrategy Analytics, il mercato dei contenuti mobili è in rialzo del 15% quest’anno, e si attesterà a 62 miliardi di dollari.

Leggi e guarda le immagini: Ovi, l’app store di Nokia apre i battenti in tutto il Mondo

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore