Non solo multi core e WiMax: Intel archivia e protegge dati

CloudServer

A Idf l’azienda presenta anche la nuova piattaforma tecnologica Intel Entry Storage System SS4000-E per Pmi e utenti privati

In occasione dell’Intel Developer Forum, Intel non si è focalizzata solo su WiMax, Ultra Mobile Pc e Santa Rosa per notebook . Intel ha anche presentato una nuova piattaforma tecnologica,Intel Entry Storage System SS4000-E, dedicata alle esigenze di archiviazione e protezione dei dati delle piccole imprese e degli utenti privat i. Intel Entry Storage System SS4000-E è basata su processore Intel Xscale

80219 e sulla tecnologia standard Network Attached Storage (NAS). Questa piattaforma costituisce una soluzione dai costi contenuti e di facile utilizzo, che permette di memorizzare fino a due terabyte di dat i, rende possibile la centralizzazione

di file di grandi dimensioni o di particolare importanza e l’accesso di più utenti contemporaneamente. Inoltre la piattaforma si collega mediante rete Gigabit Ethernet, supporta fino a quattro hard disk di tipo Serial Advanced Technology Attachment (SATA), e offre strumenti di sicurezza per limitare l’accesso alle cartelle condivise e una protezione dati avanzata. Riassumendo le novità mostrate da Intel a Idf, la parola chiave di questa edizione primaverile è il risparmio energetico (energy efficiency).

Casa digitale, mobilità e digital enterprise sono le colonne portanti di questo Idf: tutto ruota intorno alla micro architettura Intel Core destinata a c hip per desktop, mobili e server. Ma andiamo con ordine. Intel ha affermato che lancerà tre nuovi processori nel 2006: Sossaman, un processore ultra-low-power che verrà distribuito la prossima settimana, progettato per server blade e dispositivi di storage e per le telecomunicazioni; Dempsey, il cui lancio è previsto a fine mese ed è il primo processore per una nuova piattaforma, il cui nome in codice è Bensley; e Woodcrest , previsto nel terzo trimestre 2006, che ridurrà ulteriormente i consumi del 35%, migliorando le prestazioni di elaborazione di oltre l’80%. Pat Gelsinger, senior vice president and general manager del Digital Enterprise Group di Intel, inoltre ha presentato pubblicamente per la prima volta agli sviluppatori il funzionamento di un processore quad-core, nome in codice Clovertown, per i server a doppio processore: Clovertown è compatibile con il socket della piattaforma Bensley e verrà lanciato all’inizio del 2007; e offrirà una capacità di elaborazione potenziata ed è particolarmente adatto ad applicazioni multi-threaded quali quelle utilizzate in database, servizi finanziari e supply-chain management. Infine Gelsinger ha illustrato le ultime novità delle tecnologie di piattaforma: la nuova generazione della Intel Virtualization technology; Intel Active Management technology (Intel AMT), che permette agli IT manager di gestire e riparare in remoto questi sistemi senza interrompere l’utente; e LaGrande technology, per proteggere la piattaforma da attacchi provenienti da software e tutelano la riservatezza e l’integrità dei dati presenti nel PC.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore