Nortel cede la produzione a Flextronics

Aziende

Prosegue il piano di esternalizzazione delle attività produttive di Nortel con un trasferimento di queste, a partire da novembre, a Flextronics

Già da gennaio si sapeva di una trattativa tra le due aziende e oggi la conferma: Nortel trasferisce buona parte delle proprie attività produttive a Flextronics, produttore di componenti elettronici basato a Singapore. L’ammontare dell’operazione è tra i 675 e i 725 milioni di dollari e l’accordo ha per il momento durata quadriennale. Nortel ha iniziato la propria strategia di esternalizzazione delle attività produttive più di cinque anni fa e intende proseguire su questa strada che consente una sostanziale riduzione dei costi di produzione e di quelli di magazzino e trasporto. Il trasferimento delle attività, che dovrebbe comprendere anche il passaggio a Flextronics di circa 2500 dipendenti Nortel, dovrebbe iniziare a novembre. Nortel era stata protagonista nei mesi scorsi di un vero e proprio terremoto ed è stata posta sotto investigazione da parte delle autorità canadesi e statunitensi dopo che per la seconda volta aveva rimandato la presentazione dei dati finanziari del trimestre. L’azienda, che in aprile aveva sollevato dall’incarico sia il Ceo Frank Dunn sia il chief financial officer Dounglas Beatty, ha inoltre iniziato la revisione dei risultati finanziari degli ultimi tre anni e si è dichiarata pronta a un riclassificazione degli utili del 2003, riducendoli di circa il 50%.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore