Notebook aziendali a rischio

CyberwarSicurezza

Indagine europea Websense: arriva dai notebook il nuovo pericolo per la sicurezza delle reti aziendali

Arriva dai notebook il nuovo pericolo per la sicurezza delle reti aziendali: una ricerca europea commissionata da Websense dimostra la serietà del problema. Sempre più il computer portatile tende a essere l’unico Pc usato dentro e fuori l’azienda. Ma i problemi possono insorgere quando un utente usa il notebook aziendale quando il dipendente è a casa. Altri problemi possono occorrere se qualcuno lo utilizza per scaricare software illegale o navigare in siti Web infettati da spyware. A questi interrogativi dà una risposta la prima ricerca europea sulla sicurezza dei notebook aziendali commissionata da Websense e condotta da Dynamic Markets in Italia, Gran Bretagna, Germania, Francia e Olanda ( www.dynamicmarkets.co.uk ). Guardando ai dati della sola Italia, ad esempio, il 79% del campione intervistato usa il notebook aziendale come computer principale al lavoro come a casa. Una volta riconnesso alla rete aziendale, però, il notebook se usato senza attenzione ai rischi per la sicurezza – può diventare un pericoloso veicolo di virus e spyware che da esso si trasferiscono al server aziendale e da qui si propagano a tutta l’azienda; inoltre, l’azienda stessa può essere ritenuta legalmente responsabile qualora i dipendenti abbiano scaricato sul notebook file musicali o film protetti da copyright. Nel 2002, erano 80,6 milioni i lavoratori mobili in Europa e IDC ne prevede la crescita a 99,3 milioni entro il 2007. Ecco perché Websense, fornitore leader di soluzioni per la gestione e la sicurezza di Internet all’interno delle aziende, ha pensato di commissionare questa ricerca indipendente volta a fare il punto sulla situazione sicurezza relativamente ai notebook aziendali. Circa la metà degli intervistati (46%) ha ammesso di lasciare che persone esterne all’azienda accedano al loro portatile, con il 22% che non ha idea di chi effettivamente usi il suo notebook e per quale scopo. Il 51% delle aziende italiane non ha in vigore alcuna policy per regolamentare e garantire la sicurezza dei notebook aziendali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore