Novell guida Linux sul desktop

Workspace

A Novell BrainShare 2005, il Ceo Jack Messman spiega a Vnunet le nuove strategie per portare Linux ovunque. Facendo la guerra al prossimo Windows Vista

Jack Messman, Ceo di novell, e Ronald Hovsepian, presidente delle operazioni a livello globale, in un’intervista esclusiva a VNUnet.com illustrano l’aggressivo piano per spingere Linux dal datacentre al desktop. Il Ceo di novell ha menzionato di sfruttare il lancio di Windows Vista per portare l’open source sui desktop. La comunità open source deve utilizzare il tempo da qui all’uscita del nuovo sistema operativo di Microsoft, per colmare i gap di funzionalità tra i Linux desktop e il prossimo Windows Vista. Poichè il costo di migrazione da XP a Vista sarà superiore al costo di migrazione da XP a Linux, si tratta di un’opportunità storica per la comunità open source, per fare il salto nel desktop. Novell stessa in questi anni ha risparmiato circa 2 milioni di dollari nel passare da Office a OpenOffice su Linux dimostrando che il risparmi dell’open source è reale e non virtuale. Inoltre un’azienda può scegliere di essere totalmente open source o eterogenea. L’open source deve quindi essere visto, secondo Messman, come un modello di business e un approccio di metodologia e di licenza al mercato: portare più sicurezza e efficienza produttiva grazie all’uso degli open standard.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore