Novell rassicura che Unix rimane suo

ManagementMarketingSistemi OperativiWorkspace

Novell non vende Unix a Microsoft. Sospiro di sollievo per mercati e mondo Gnu/ Linux

Novell non vuole mettere nelle mani di Microsoft i brevetti Unix (millantati un tempo da Sco nella guerra dei brevetti contro Ibm e Gnu/Linux). Novell rassicura mercato e Linuxisti che quei brevetti, alla base del contenzioso di Sco, rimangono nelle mani sicure di Novell e non passano a Microsoft, anche se Novell passa di mano, acquisita per 2,2 miliardi da Attachmate.

Anche se per 450 milioni di dollari Microsoft si è assicurata asset di proprietà intellettuale, Novell mette le mani avanti: Unix è suo (e non lo gestisce Microsoft, nemico giurato – almeno un tempo- del software libero). Lo riporta Pc World.

Proprio mentre il “mondo open source” è ai ferri corti con Oracle, per via sia di Java (Apache) che di OpenOffice.org, almeno su Novell la comunità del Software libero può tirare un sospiro di sollievo.

Dunque nel passaggio a Microsoft di ben 882 brevetti non c’è Unix (quelli di cui millantava la proprietà Sco, e che sono costati anni di causa fra Sco e Ibm). Proprio in base a questi contenziosi (di cui diretto con Microsoft), Novell aveva siglato uno storico patto con il colosso di Redmond. Patto a cui Red Hat e altri vendor Linux si erano rifiutati di sottostare.

Leggi anche l’ANALISI: Novell ceduta a Microsoft e Attachmate: cosa succede nel mercato IT

Novell è ceduta, ma Unix rimane a Novell
Novell è ceduta, ma Unix rimane a Novell
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore