Novità Kodak per i supporti digitali

CloudServer

L’adozione di una nuova tecnologia produttiva allungherà la vita dei Cd

I dischi “ultracentenari” di Kodak, che saranno fabbricati da Kmp Media e venduti con il marchio Preservation, utilizzeranno uno strato riflettente in oro 24 carati al posto del tradizionale alluminio. L’azienda sostiene che questo materiale, insieme ad altri accorgimenti, proteggerà meglio il disco da umidità, calore, luce e sporcizia. Va precisato che Kodak garantirà 300 anni solo i supporti Cd-R, mentre i Dvd-R Preservation avranno un tempo stimato di affidabilità di circa 100 anni.

La notizia è sicuramente interessante, sopratutto considerata la legalità dei documenti archiviati in digitale che inizieranno a costituire archivi sempre più capienti, e che dovranno garantire una durata temporale sempre più lunga. Naturalmente, considerato il materiale utilizzato e la necessità di rigorose specifiche tecniche il costo dei supporti, anche se non ancora reso noto dalla società, si può immaginare piuttosto ‘significativo’. Non resta che attendere la prova dei fatti e darci appuntamento tra 300 anni per verificare se i nostri documenti sono ancora recuperabili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore