5G, entro il 2020 la UE vuole liberare le frequenze occupate dal digitale terrestre

4gMobility
Tlc, la UE vuole licenze di 25 anni e norme più rigide per Whatsapp
2 2 Non ci sono commenti

Entro fine giugno 2020, le frequenze tra 694-790 MHz vanno liberate, in vista dell’avvento del 5G

La corsa verso il 5G, nell’era di Internet of Things (IoT), è sulla rampa di lancio. Entro il 2020, l’Unione europea (UE) vuole liberare dai segnali tv le frequenze sopra i 700 Mhz.

La banda ad altissima frequenza da 700 MHz è oggi occupata dalle trasmissioni tv del digitale terrestre. Ma in vista del lancio del 5G, la liberazione della banda è attesa per metà 2020.

5G, entro il 2020 la UE vuole liberare le frequenze occupate dal digitale terrestre
5G, entro il 2020 la UE vuole liberare le frequenze occupate dal digitale terrestre

Entro fine giugno 2020, le frequenze tra 694-790 MHz vanno liberate, perché il traffico di banda wireless si moltiplicherà di otto volte, in vista dell’avvento di Internet delle Cose auto connesse ed e-health. Bruxelles ne è convinta.

Con il 5G, la connessione dei network balzerà di 100 volte, ma soprattutto la Rete sarà abbastanza smart da agire in maniera differente a seconda di come avviene l’accesso, se da un monitor cardiaco, da self-driving cars eccetera.

Non sarà tanto la tecnologia Mobile (smartphone e tablet) di prossima generazione a decretarne il successo (o meno), quanto le driverless cars (o self-driving cars, le auto che si guidano da sé, senza autista) e la tecnologia Internet delle Cose (IoT).

Volete sapere la qualità della copertura 4G, 3G e delle reti WiFi di dove vi trovate? Possiamo aiutarvi! TESTA IL 4G.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore