Nuove multe Ue per Microsoft?

Aziende

Microsoft deve ottemperare presto alle decisioni dell’Unione europea. Nel frattempo si prospetta il cambio di nome per Windows Xp Reduced Media Edition: non piace alla Ue

Microsoft nei giorni scorsi ha fatto sapere che non farà ricorso alla sentenza della Corte di Prima istanza, e quindi si adeguerà alle decisioni dell’Unione europea. Sarebbe già pronta una versione di Windows privo di Media player (già ribattezzata dai media Monti Windows, a memoria dell’ex commissario Ue Mario Monti, artefice della maxi multa contro il colosso di Redmond, reo di abuso di posizione dominante). L’Unione europea, non paga di ciò, ha fatto sapere che che il rimedio deve arrivare entro febbraio, e non sarà tollerato un ritardo ulteriore a qualche settimana. La Commissione europea ha infatti intimato Microsoft di ricorrere, oltre alla celebre maxi multa, a nuove multe fino al 5% del suo turnover medio giornaliero. Ma un altro motivo di suspense ora riguarda il nome: Windows Xp Reduced Media Edition non piace alla Ue, ritenendolo poco appetibile per i consumatori. Microsoft dovrebbe ora cercarne uno nuovo. Microsoft infine, per ottemperare alle decisioni dell’antitrust

europeo , dovrà condividere alcuni protocolli con i produttori di server rivali entro i primi di febbraio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore