Nuove preoccupazioni per i touchscreen dei cellulari

Mobility

Forse i touchscreen diventeranno così affidabili che le tastiere seguiranno
la stessa strada dell’avviamento meccanico dei veicoli

SECONDO ALCUNE VOCI, LG raccomandava ufficialmente ai proprietari dei cellulari Prada di non usare le unghie sullo schermo di tipo touchscreen.La notizia è falsa, ma le preoccupazioni continuano a esistere. Secondo una fonte, all’interno del libretto di istruzioni del telefono Prada c’era un avviso specifico contro l’uso delle unghie per utilizzare il touchscreen. Una portavoce di LG ha gentilmente fatto scorrere tutto il manuale del telefono, dal quale non è risultato nessun accenno all’uso delle unghie. Pertanto l’informazione non era corretta. Tuttavia il manuale dice anche: ?Non toccare lo schermo con oggetti appuntiti, potreste danneggiare il telefono ?. Inoltre raccomanda: ?Usare il polpastrello delle dita per premere con esattezza il tasto desiderato?. Perciò l’uso delle unghie per selezionare un numero di telefono non è esattamente una procedura consigliata. A proposito dell’iPhone, la cui uscita negli Stati Uniti è prevista il 29 giugno,ci sono previsioni nere sulla durata dello schermo. Specialmente considerando la sensibilità ai graffi degli schermi dei primi iPod e le recenti previsioni di John Dvorak sulla delicatezza della tastiera dell’iPhone. Fortunatamente c’è un precedente positivo. Il palmare Psion Revo aveva un touchscreen e per nostra esperienza non si guastava nemmeno con un uso prolungato. C’è da chiedersi se le preoccupazioni per i touchscreen siano solo un segno di Luddismo, alias scarsa fiducia nella tecnologia. Qualcuno ricorda quando le automobili avevano una manovella di emergenza nel caso di guasto dell’avviamento elettrico? E le moto che avevano l’avviamento a pedale per lo stesso motivo? Forse i touchscreen diventeranno così affidabili che le tastiere seguiranno la stessa strada dell’avviamento meccanico dei veicoli. Il vero test sarà la risposta da parte della gente. Se lo schermo dell’iPhone sarà soggetto a rigarsi facilmente, a perderci sarà prima di tutto AT&T che dovrebbe affrontare una percentuale disastrosa di apparecchi resi.E gli smartphone non sono facili da restituire come gli iPod.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore