Nuove professionalità per un’economia emergente: al via il corso di alta formazione in DirittoEconomia del commercio elettronico internazionale

CyberwarSicurezza

Parte tra poco la seconda edizione del Corso di Alta Formazione in
DirittoEconomia del Commercio Elettronico Internazionale organizzato
dal Centro StudiRicerche SCINT.

Lecce – Il Centro StudiRicerche SCINT () organizza, sotto l’Alto Patrocinio del Ministero Attività Produttive e con il patrocinio dell’Istituto per il Commercio Estero (ICE) e del Centro Estero Camere di Commercio di Puglia, la Seconda Edizione del ‘Corso di Alta Formazione in DirittoEconomia del Commercio Elettronico Internazionale (), finalizzato a trasmettere conoscenze e skills professionali a coloro che intendono proporsi come professionisti nella new-economy, al servizio di realtà professionali-aziendali innovative e orientate verso nuovi mercati. L’obiettivo del corso e’ fornire gli strumenti per affrontare e superare le criticità giuridico-aziendali dei mercati internazionali – reali e virtuali – consentendo di essere aggiornati sui temi più attuali nel mondo dell’E-Business globale. Il Corso intende trasmettere un modello di analisi e gestione avanzato della strategia d’impresa verso l’internazionalizzazione, quindi offrire ai partecipanti l’intero quadro delle problematiche esistenti in un processo di innovazione tecnologica o di sviluppo di mercato. L’intento e’ quello di lavorare sulla complessa materia sia da una prospettiva strategico-aziendale, sia dal punto di vista giuridico, in maniera da poter acquisire una visione completa di tutti gli aspetti normativi ed organizzativi inerenti il fenomeno dell’E-business, delle pratiche e applicazioni in campo internazionale. Gli insegnamenti, condotti da professori universitari e professionisti di altissimo livello, si caratterizzano per interdisciplinarietà e taglio pratico. Il progetto formativo ha una durata complessiva di 620 ore, compreso uno stage formativo-pratico da svolgersi presso aziende, Enti ed Istituzioni (in Italia e all’estero) coinvolti nell’iniziativa. Il Corso aprirà le porte dell’internazionalizzazione: dai contenuti digitali, all’economia globale, passando per le norme e le prassi internazionali, si creerà un filo diretto con professionisti e imprenditori della new-global-economy, in grado di valutare progetti aziendali innovativi, capaci di studiare soluzioni di sviluppo su altri mercati o sul web, esperti nel prevenire i possibili problemi derivanti dall’utilizzo del Commercio Elettronico, attenti nel ‘porre rimedio’ alle disfunzioni e criticità spesso incontrate, ma talvolta anche poste, dagli imprenditori. I possibili sbocchi professionali sono tanti, certamente correlati alle mille sfaccettature del settore; esperti di normativa internazionale, consulenti per l’esportazione, valutatori di progetti aziendali innovativi, addetti presso organizzazioni e istituzioni internazionali o dedite alla promozione dell’import-export, responsabili della comunicazione aziendale su web, consulenti legali e progettisti: queste le principali opportunità che SCINT ha individuato (e riscontrato sui mercati) e cui fa riferimento la logica di insegnamento adottata. L’Italia, purtroppo, e’ ancora indietro nel campo della new economy sia da un punto di vista normativo (solo ultimamente sono stati emanati provvedimenti quali il Decreto Legislativo n. 70 del 9 aprile 2003 che ha dato attuazione alla direttiva n. 2000/31/CE relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell’informazione nel mercato interno, con particolare riferimento al commercio elettronico oppure il D.P.R. n. 137 del 7 aprile 2003 contenente il ‘regolamento recante disposizioni di coordinamento in materia di firme elettroniche a norma dell’articolo 13 del decreto legislativo 23 gennaio 2002, n. 10′) che da un punto di vista pratico, ma ed e’ questo l’aspetto importante a seguito anche degli inevitabili impulsi provenienti dall’Unione Europea e dai paesi mondiali più evoluti, ormai nel nostro paese sta nascendo una coscienza tesa a favorire lo sviluppo di questi nuovi rapporti di natura economica ed e’ per questo che molte università, centri di ricerca, dovrebbero cavalcare il momento per preparare le nuove leve con corsi come quello del Centro StudiRicerche SCINT tendenti a formare nuove professionalità nei settori emergenti della new-economy. Per ulteriori informazioni si può contattare il Centro Studi SCINT ai seguenti recapiti: Telefono 0832/25.60.65 e Fax: 0832/24.48.02. Indirizzi E-mail: inform@scint.it; info@scint.it. Sito web:

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore