Nuove tendenze storage

CloudServer

Home network e Networked storage sono due mode che riguardano l’archiviazione dei dati

Il possesso di diversi pc e la disponibilità di banda larga, secondo recenti studi americani, hanno incentivato la diffusione di due nuovi fenomeni: l’home network e il networked storage. In base a questi studi, basati ovviamente sulla situazione americana, il 79% delle famiglie possiede un personal computer e il 31% ne possiede due o più. Il trend è destinato ad aumentare. L’home networking è facilitato dall’ accesso alla banda larga, dal possesso di uno o più pc per uso domestico e dalla messa in rete degli stessi. Lo studio dello Yankee Group ritiene che solo il 5% delle case con un pc fa parte di un network, comparato con il 31% delle famiglie che possiedono due pc ed il 56% che ne possiedono tre o più. Secondo uno studio analogo condotto dalla Parks Associates, i numeri sono destinati ad aumentare. L’analisi condotta ha, infatti, stimato che i possessori di almeno un pc, sempre negli USA, sono 41 milioni con una proiezione di 57 milioni entro il 2010. Il possesso di più pc favorirebbe dunque le home networking che potrebbero diventare 38,3 milioni nel 2010, così come diventerà sempre più comune il network storage, cioè l’archiviazione di dati o di applicazioni in un sistema centralizzato, che verrà utilizzato nel 2010 da 9,5 milioni di utenti. Considerando che il divario tecnologico del nostro paese nei confronti di quello americano mantiene almeno due anni di differenza, basterà spostare di un analogo intervallo temporale il risultato dei due studi, per immaginare quando le due tendenze potranno iniziare ad affermarsi nel nostro paese. Vero è che già in molti condomini italiani le basi sono già state gettate e la presenza di dispositivi wireless consente la condivisione di dispositivi e risorse a diverse famiglie nello stesso condominio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore