Nuovi guai in vista per chi scarica musica

Network

In base alla nuova legge americana, anche i pubblici ministeri federali
potranno intentare cause civili contro chi viola il diritto d’autore.

Washington – La battaglia delle major agli utenti dei sistemi peer-to-peer si fa sempre più dura. A sostegno della causa dei tutori del copyright vi è un ulteriore inasprimento del cosiddetto “Pirate Act 2004”, che il Senato Usa metterà ai voti la prossima settimana. In base alla nuova legge, anche i pubblici ministeri federali – e non più solo quelli dei singoli stati – potranno intentare cause civili contro chi è sospettato di violazione del diritto d’autore e domandare il pagamento di multe esemplari, che potranno raggiungere addirittura centinaia di migliaia di dollari. Il Pirate Act sta allarmando i difensori dei network di file sharing, che temono che il Dipartimento di Giustizia statunitense possa diventare ancora più ambizioso. A fondamento di tale preoccupazione vi è per esempio una dichiarazione del senatore Orrin Hatch – uno tra i più convinti sostenitori della legge in questione – il quale si e’ espresso a favore dell’adozione di nuovi sistemi deterrenti. Studiocelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore