Una Nuvola Rosa per abbattere il divario di genere nell’IT

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
La nuvola Rosa porta le donne nell'IT
3 2 1 commento

Le ragazze devono acquistare consapevolezza dell’importanza del sapere scientifico e delle competenze tecnologiche. A Roma si svolge Nuvola Rosa, tre giorni di corsi per portare le donne nell’IT

In Italia le laureate in materie tecnico-scientifiche sono il 9.9% contro il 14.8% dei maschi. L’Italia è maglia nera nella classifica sulla parità nelle lauree tecnico-scientifiche: dopo Portogallo, Svezia, Spagna e Grecia, l’Italia si piazza al 18esimo posto. Lo riporta una ricerca di McKinsey-Valore D, nel rapporto “Occupazione- Istruzione – Educazione: le trappole nascoste nel percorso delle ragazze verso il lavoro”, presentata a Nuvola Rosa, progetto di Microsoft Italia. In cima alla classifica svettano la Finlandia con il 34,2% contro il 13,7%, seguita da Francia (29,3% e 11,6%), Regno Unito (25,6% e 11,5%) e Danimarca (20,6% e 12,2%).

A non aiutare le ragazze ad acquisire consapevolezza dell’importanza del sapere scientifico e delle competenze tecnologiche, sono spesso le madri, accusate di ripetere gli “stereotipi di genere” nelle scelte, fin da quella dei giochi nella prima infanzia.

La cultura prevalente in famiglia esercita una pressione sin dall’infanzia (giochi genitori-figli e attività domestiche), mentre le difficoltà economiche del nucleo familiare determinano tassi di abbandono scolastico più elevati fra le giovani donne sia nella scuola superiore (25-27% rispetto al 12% dei maschi) che all’università (67% rispetto a 58%).

Il divario di genere si ripresenta poi in azienda: fin dalla prima esperienza di stage e tirocinio, le ragazze vengono retribuite meno nella metà dei casi rispetto ai colleghi uomini e soffrono di maggiore instabilità lavorativa (i contratti precari tra le donne 15-24 anni è pari al 51% rispetto al 40% degli uomini).

Anche la scelta degli indirizzi scolastici e universitari da parte delle ragazze (ambito letterario, giuridico, linguistico, chimico-farmaceutico, geo-biologico e dell’insegnamento) orienta le donne verso professioni con tassi di occupazione e salari bassi (circa 1.200 euro netti mensili a 5 anni dalla laurea), mentre solo il 20-30% delle ragazze privilegia una formazione tecnico-scientifica, pur in presenza di maggiori possibilità di occupazione e migliori salari (quasi 1.500 euro netti mensili).

La nuvola Rosa porta le donne nell'IT
La nuvola Rosa porta le donne nell’IT

La Nuvola Rosa, con 44 corsi gratuiti, più di 100 relatori, si svolge a Roma dal 22 al 24 aprile, dove convergono oltre 630 ragazze provenienti da tutta Italia. L’obiettivo consiste nell’accrescere le competenze tecnico-scientifiche delle ragazze per costruire il loro percorso professionale. Adecco cura i training dedicati all’ingresso nel mondo del lavoro e permette alle ragazze di entrare in contatto con alcune opportunità professionali e stage.

La giornata di mercoledì 23, nella cornice della Facoltà di Ingegneria di via Eudossiana, è dedicata ai 44 corsi indirizzati alle studentesse italiane e straniere dell’ultimo biennio delle scuole superiori e delle università, suddivisi nei 6 percorsi tematici di seguito: TechHer, DevelopHer, LawyHer, EmpowerHer, InspirHer e EmployHer.
La partecipazione di accademici, scienziati, opinion leader, esperti IT e figure femminili di spicco offre un calendario fitto di incontri di formazione e di approfondimento, occasioni di dialogo con role-model e seminari su come affrontare il primo ingresso nel mondo del lavoro. Alle ragazze vengono proposte occasioni di colloquio con aziende multinazionali e nazionali per accedere a stage e percorsi di formazione.

La Nuvola Rosa, l’iniziativa ideata da Microsoft Italia insieme a 16 partner del mondo pubblico e privato (con Asus, Avanade, Intel e Telecom Italia), giunta alla seconda edizione, vuole sensibilizzare le giovani studentesse italiane sulla necessità di colmare il divario di genere nella scienza, nella tecnologia e nella ricerca. Vanta il supporto delle più importanti istituzioni mondiali come UN WOMEN, l’Entità delle Nazioni Unite per l’Uguaglianza di Genere e l’Empowerment Femminile, UNric, ITU e UNESCO . La tre giorni è stata realizzata con la partecipazione del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il supporto della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione del MIUR e sarà ospitata dalla Facoltà di Ingegneria grazie alla partnership con Sapienza Università di Roma, la prima università d’Europa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore