Nvidia, Amd o i chip di Ibm nel mirino di Oracle

AziendeMarketing

Per ora si tratta solo di specualazioni, ma la strategia di Oracle guarda allo shopping nei chip. Vediamo perché

Amd, la divisione chip di Ibm o Nvidia sono nel mirino di Oracle. Il colosso guidato da Larry Elllison vuole imitare l’approccio di Steve Jobs, Ceo di Apple, di possedere la maggior parte di proprietà intellettuale che sta sotto i chip del computer. “Ci vedrete acquisire aziende di processori” ha esordito Larry Ellison, Ceo di Oracle, in occasione di Oracle Open World, il meeting annuale del colosso dei database a San Francisco. Apple, infatti, ha acquisito produttori semiconduttori per contribuire allo sviluppo del chip A4 su iPad e iPhone.

Oracle ha già acquisito un po’ di knowhow in materia di chip da Sun, che produce server basati su Sparc, il proprio chip design,oltreché su processori di Intel e Amd. Bloomberg allora si è domandato chi potrebbe essere nel mirino di Oracle.  Oracle potrebbe comprare tecnologia per server: obiettivi potrebbero essere proprio Amd, la divisione chip di Ibm o Nvidia. Lo sostiene la società di analisi Gleacher & Co. di San Francisco. Anche l’arrivo di Mark Hurd come co-presidente di Oracle potrebbe essere segno di una maggiore “aggressività” di Oracle nel mercato hardware.

In una recente conference call Larry Ellison ha detto che Oracle intende raddoppiare le dimensioni del business hardware, che ha generato 1.7 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre. Amd ha definito questi rumor pure speculazioni. Nvidia e Ibm hanno evitato commenti. Oracle ha comunque 23,6 miliardi tra cash e investimenti a breve termine. Se non andasse in porto un’acquisizione nel mercato chip, Oracle potrebbe fare ancora shopping nel software.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore