Il Presidente USA Obama all’Sxsw: Le autorità devono poter accedere ai dati di uno smartphone

Autorità e normativeSorveglianza
Presidente Obama all'Sxsw: Le autorità devono poter accedere ai dati di uno smartphone
1 1 Non ci sono commenti

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama è intervenuto a Sxsw ad Austin, chiedendo al mondo dell’IT di non sposare una «visione assolutista», perché servono compromessi sulla privacy per assicurare sicurezza

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha tenuto all’Sxsw in corso ad Austin, in Texas, un appassionato discorso, per dichiarare che le autorità devono poter accedere ai dati di uno smartphone, sia per prevenire atti di terrorismo sia per scoprire evasori fiscali.

Presidente Obama all'Sxsw: Le autorità devono poter accedere ai dati di uno smartphone
Presidente Obama all’Sxsw: Le autorità devono poter accedere ai dati di uno smartphone

I dispositivi mobili devono essere costruiti in modo tale che le autorità governative possano ottenere l’accesso ai dati personali dei cittadini, se necessario. Lo ha affermato il Presidente degli Stati Uniti Obama, e il riferimento (implicito, mai esplicito) è allo spinoso caso dell’iPhone 5C, implicato nella strage di San Bernardino. Il Presidente Obama, ormai a fine mandato, chiede al mondo dell’IT di non sposare una «visione assolutista», perché servono compromessi sulla privacy per assicurare sicurezza.

Su mandato della magistratura, oggi è possibile accedere ai tabulati telefonici e ai conti correnti, ha già ricordato Bill Gates, filantropo e co-fondatore di Microsoft. Ma la crittografia forte “blinda” gli smartphone di ultima generazione, dopo che è stata implementata dai sistemi operativi, come risposta al caso NSA, rivelato da Edwatd Snowden. E, rinunciare alla crittografia, per Apple e gli altri vendor che la sostengono, è inimmaginabile: significherebbe riportare le lancette dell’orologio indietro, come ha spiegato Craig Federighi, top manager dell’azienda di Cupertino.

Nei giorni scorsi, è intervenuto anche un alto commissario dell’Onu a sostegno di Apple contro l’FBI: le backdoor sono un vaso di pandora, un precedente pericoloso. L’azienda di Cupertino ha il supporto di oltre 40 aziende, fra cui Microsoft e Google, Facebook e Twitter, oltre all’appoggio di quasi metà dei cittadini americani.

Obama, che è «dalla parte delle libertà civili», ha spiegato che talvolta concessioni devono essere fatte, per catturare i pedofili, prevenire attacchi terroristici, smascherare evasori fiscali eccetera.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore