Office Genuine Advantage: arriva il software Microsoft che svela le licenze irregolari

Autorità e normativeCyberwarSicurezzaSoluzioni per la sicurezzaSorveglianza

Dal 15 di aprile sarà attivo il nuovo servizio Office Genuine Advantage e chiunque potrà verificare facilmente se il proprio software è regolare o contraffatto

“In Italia il tasso di pirateria informatica è del 51%. Il nostro Paese è al secondo posto in Europa, perché solo la Grecia ha un tasso ancora più elevato (61%), mentre la media europea si attesta al 34%”. Con questi dati (fonte BSA-IDC) presentati da Marco Ornago, Direttore della neo-nata Divisione Software originale, Microsoft fa il punto sul fenomeno della pirateria e all’interno dell’iniziativa Genuine Software propone il servizio di notifica Office Genuine Advantage che vedrà la luce il prossimo 15 aprile.

Office Genuine Advantage, presentato da Enrico Bonatti, Direttore della Divisione Information Worker di Microsoft Italia, è uno strumento di validazione dell’originalità dei software Microsoft Office Xp, 2003 e 2007, scaricabile online. Il servizio si attiva tramite l’installazione di un programma client che viene proposto fra gli aggiornamenti di Office.

L’installazione non è obbligatoria, ma una volta deciso di procedere in tal senso il consumatore non potrà fare “marcia indietro” e dovrà accettare i messaggi che il software visualizzerà sul computer da quel momento in poi, fino all’eventuale regolarizzazione del pacchetto o alla sua disinstallazione.

Fra il primo e il trentesimo giorno apparirà quotidianamente una notifica con l’avviso che “è installata una copia di Office non originale”. Dopo il trentesimo giorno invece verrà visualizzata un’icona permanente sulla barra degli strumenti che ricorderà ogni volta la non originalità della copia di Microsoft Office.

Gli utenti in questo modo potranno verificare subito la genuinità del prodotto, riceveranno spiegazioni sul perché il prodotto è risultato non originale e ovviamente potranno anche essere informati sulle possibilità di regolarizzazione, che prevedono il sollecito al rivenditore per ottenere quanto dovuto, o l’acquisto direttamente online. Indubbiamente il vantaggio di uno strumento simile è dato dal fatto che il cliente in prima persona avrà a disposizione uno strumento pratico per essere tutelato da eventuali frodi subite al momento dell’acquisto, ma è anche vero che il bollo “Questa copia di Office non è originale” sembra quasi colpevolizzare gli acquirenti che non possono rimuoverlo.

Microsoft sostiene l’intenzione di andare incontro alle esigenze dei consumatori: un bollo di questo tipo che campeggia ogni volta che si apre l’applicazione, in realtà, serve anche per veicolare sul cliente la responsabilità di provvedere in prima persona a sanare una situazione della quale fino al momento prima poteva essere del tutto inconsapevole e solo vittima, e che ora invece lo riguarda. Le copie contraffatte in circolazione, infatti, in alcuni casi sono a tal punto simili all’originale che è difficile riconoscerle al momento dell’acquisto, e nessuno potrebbe contestare alcunché ai consumatori, così Microsoft svela la licenza irregolare e toglie al proprietario del PC qualsiasi “alibi”. Nessuno insomma potrà più dire “non lo sapevo”.

Per sconfiggere la pirateria è necessaria la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e Office Genuine Advantage è una soluzione interessante, allo stesso tempo però è importante l’impegno costante affinché non arrivino del tutto sul mercato licenze irregolari e in questo senso c’è ancora molto da fare.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore