Oms: Il 3% soffre l’elettro-smog di cellulari, WiFi e Tv

Autorità e normative

L’elettromagnetismo è studiato da anni, ma ancora non è dato sapere se l’esposizione alle onde nuoccia o meno alla salute. Ma chi è elettro-senbile e denuncia disturbi come cefalea, tachicardia e vertigini: patologia o solo sensibilità?

La denuncia sui rischi per la salute del WiFi è partita da un’associazione inglese degli insegnanti: prima trasmessa dalla Bbc e poi alla puntata di domenica 11 maggio 2008 di Report (RaiTre) . L’Oms finora negava gli effetti nocivi dei segnali, ma lo studio non sembrava troppo accurato. Ora l’Oms apre uno spiraglio: dall’1 al 3% della popolazione è elettro-senbile e denuncia disturbi come cefalea, tachicardia, rossore e vertigin i (fonte: Repubblica).

Ancora presto per parlare di patologia, ma è una prima apertura dell’Oms. Per lo meno si può parlare di allergiaa segnali di cellulari, WiFi e onde elettromagnetiche (Tv e radio compresa).

L’esposizione al WiFi a scuola rimane un’incognita: il problema divide gli esperti. Nel dubbio vale il principio di cautela. Le biblioteche pubbliche del comune di Parigi hanno spento il segnale Wifi, forse all’origine di dolori muscolari e insonnia e vertigini in personale e utenti.

Leggi anche l’Analisi di VNUnet.it: Il WiFi nuoce alla salute?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore