È online il portale E-skills for Jobs di Anitec

MarketingNetwork
Anitec lancia la piattaforma italiana dedicata alle competenze digitali in Europa
2 0 1 commento

Anitec ha reso disponibile il portale per le competenze digitali in Europa. Il portale, che fa perno sull’analogo progetto europeo, intende promuovere attività ed iniziative dedicate al mondo della scuola, dell’alfabetizzazione digitale e dell’innovazione aziendale

Anitec inaugura E-skills for Jobs, il portale online per le competenze digitali in Europa, il blog che si basa sul programma europeo E-skills for Jobs 2014, lanciato dall’Unione europea, fortemente voluto dal commissario all’Agenda digitale euoropea Neelie Kroes. Si tratta della prima piattaforma italiana completamente orientata alle competenze digitali. A lanciarla è stata Anitec, l’associazione nazionale delle industrie di informatica, Tlc e elettronica di consumo.

La piattaforma di discussione intende promuovere attività ed iniziative dedicate al mondo della scuola, dell’alfabetizzazione digitale e dell’innovazione aziendale: “Si tratta di un portale informativo e di scambio di idee e progetti su quello che è un grande programma formativo europeo e per il quale l’impegno dell’Italia assume particolare rilievo in vista del semestre di presidenza dell’Unione” ha spiegato Cristiano Radaelli, Presidente di Anitec.

Il portale è molto importante visto che scarseggia in Europa la professionalità digitale: infatti attualmente risultano disponibili 449 mila posizioni nel 2014 e si prevede che nel 2020 saranno tra 730 mila e 1,35 milioni (fonte: Empirica 2013).

Anitec lancia la piattaforma italiana dedicata alle competenze digitali in Europa
Anitec lancia la piattaforma italiana dedicata alle competenze digitali in Europa

Anitec aveva annunciato il portale, in occasione dell’annuncio della collaborazione fra Assinform e Agenzia per l’Italia digitale (Agid). L’accordo quadro di collaborazione “Le competenze digitali per lo sviluppo del Paese” serve per individuare gli skill professionali più adeguati all’evoluzione dell’IT, a migliorare la definizione e l’attuazione dei programmi di divulgazione, nonché a formare e aggiornare pubbliche amministrazioni, scuola e imprese.

Nelle scorse settimane, la Commissione europea aveva lanciato E-skills for jobs 2014, per diffondere le competenze digitali e dell’imprenditorialità digitale nelle scuole e nelle università. E-skills for jobs 2014 e Fostering Digital Enterpreneurship rappresentano due progetti della Commissione Europea nell’ambito della Grand Coalition for Digital Jobs. Per l’Italia se ne è fatta garante l’Anitec ed ora il portale è al debutto. Il Sottosegretario per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Angelo Rughetti ha commentato: “La Commissione Europea ha stimato che nei prossimi anni saranno disponibili oltre 800 mila posti di lavoro nella filiera digitale e John Higgins, Direttore generale DigitalEurope, ha calcolato che il fabbisogno in Europa sarà di 500 mila posti di lavoro digitale entro il 2015 e di 730 mila a 1,3 mln al 2020 a seconda del ritmo di crescita economica. L’Italia deve sfruttare questa occasione e migliorare in breve tempo le proprie lacune. Le lauree, sia di primo e secondo livello, in materie ICT rappresentano l’11,48% sul numero degli iscritti del 2010, contro il 13% dell’area dei Paesi dell’ area Euro. Gli ambiti di azione in cui investire sin da subito sono Scuola, transizione al lavoro, formazione continua ed inclusione digitale“. Nel biennio 2011 – 2013, il più duro sul fronte occupazionale, i lavori IT “sono cresciuti ad un tasso due volte superiore rispetto alla media degli altri lavoratori e i nuovi impieghi, che necessitano di maggiori competenze high tech, non solo godono di salari più elevati ma hanno resistito meglio alla crisi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore