Ookla: La banda larga in Italia è più lenta che in Namibia

MarketingNetworkProvider e servizi Internet
Netflix lancia Fast.com, per verificare la velocità della banda larga
5 0 Non ci sono commenti

Il Net Index di Ookla boccia ancora la banda larga italiana. A 9.1 Mbps, la broadband italiana risulta inferiore alla Namibia

Il Net Index di Ookla boccia ancora la banda larga italiana. Chiusa la consultazione pubblica del Piano nazionale Banda Ultralarga, l’Italia sa che il 2015 deve diventare l’anno della svolta per riagganciarsi all’Europa e agli obiettivi fissati per il 2020.
Ookla ha misurato la banda larga italiana, maglia nera in Europa. Ma non solo. A 9.1 Mbps, la banda larga italiana risulta inferiore ai 9.4 Mbps della Namibia. Al vertice della classifica, Singapore corre a 104,42 Mbps, mentre Hong Kong viaggia a 96,38 Mbps.

In questo scenario, l’Italia non è ben posizionata per raggiungere l’obiettivo dell’Unione europea (UE), che consiste nel fornire (almeno) i 100 Megabit a metà della popolazione nel 2020. Ma entro questa data, tutti i cittadini europei dovranno essere raggiunti dai 30 Megabit.

Secondo i dati NetIndex di inizio settembre, perfino la Grecia ha superato l’Italia nella velocità in download. Nella banda larga, l’Italia è già da allora fanalino di coda tra i Paesi del G8, penultima in Europa e maglia nera fra i 34 Paesi Ocse.

Ookla: la banda larga in Italia è inferiore a quella della Namibia
Ookla: la banda larga in Italia è inferiore a quella della Namibia

Secondo MM-One Group, la banda ultra larga rappresenta un volano per l’economia. Le aziende europee hanno archiviato il 2013 una media del 14% del fatturato grazie al Web (Eurostat).

In Italia lo Spread digitale vale 10 milioni di euro al giorno pari a 3,6 miliardi di euro all’anno (fonte: Censis), l’economia digitale potrebbe imprimere una spinta del PIL pari a 5 punti percentuali.

Dal Global Connectivity Index (Gci), lo studio di Huawei pubblicato a fine settembre,  che mette in correlazione i rapporti stretti fra connettività e PIL, emerge che la Germania è locomotiva d’Europa e  l’Italia si piazza 13esima. La ricerca è condotta in 25 Paesi in via di sviluppo ed emergenti, pari al 68% della popolazione e al 78% del Pil globale.

Secondo AgCom, l’Italia è agli ultimi posti in Europa con una copertura “inaccettabile” al 21%.

A quanti Mega navigate? Testa la tua banda di connessione e verifica quanto è larga

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore