OpenOffice a Microsoft: calma e sangue freddo

Management

Secondo il consorzio nemmeno Microsoft avrebbe la "coscienza a posto" nella
questione del rispetto dei brevetti.

Dopo che Microsoft ha sparato a zero contro il software libero, accusando la comunità opensource di aver violato decine di brevetti di sua proprietà, non si è fatta attendere la risposta di Openoffice.org. Secondo i creatori della suite l’azione di Microsoft appare incredibile e disperata: giocare la carta dei brevetti potrebbe non convenire a nessuno, nemmeno alla stessa Microsoft. Nel mondo del software garantire brevetti incontestabili non è facile, e l’argomento è ancora per certi versi dibattuto. Usando quest’arma Microsoft potrebbe trovarsi con tanti problemi quanti quelli che creerebbe agli avversari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore