Oracle acquista Sun per 7,4 miliardi di dollari

Aziende

Sfumato l’accordo con Ibm, arriva Oracle a salvare Sun Microsystems. L’accordo sarà chiuso entro l’estate e porta MySql, Java e Solaris nel portafoglio del colosso dei database. Oracle si aggiudica un ruolo più incisivo nel crescente mercato open source

Oracle acquisisce Sun Microsystems per 7,4 miliardi di dollari o 9.50 dollari per azione (pari a 5,6 miliardi più l’assunzione del debito). S fumato da settimane l’a ccordo con Ibm , a salvare Sun è arrivata Oracle di Larry Ellison, in passato già regina degli acquisti (dopo PeopleSoft, Bea , Siebel), sembrava avesse messo gli occhi su Red Hat, se Ibm si fosse aggiudicata Sun. L’accordo sarà chiuso entro l’estate.

Le trattative per l’acquisizione di Ibm da 7 miliardi di dollari sono fallite, perché il board di Sun sarebbe stato spaccato e avrebbe vinto la strategia del Chairman Scott McNealy sul Ceo Jonathan Schwartz.

Secondo The Register, l’acquisizione di Sun da parte di Ibm avrebbe provocato 11mila tagli in Sun. A Ibm interessavano solo il database MySql, Java e il sistema operativo Sun Solaris, ma non il resto del software Open source, non remunerativo. McNealy vorrebbe riportare Sun alle sue radici hardware, mentre la strategia di Schwartz è più focalizzata sul software.

A Oracle interessa invece integrare l’hardware e il software di Sun con Exadata database machine di Oracle.

Sun è la proprietaria di MySql, acquisita un anno fa per un miliardo di dollari, dopo aver reso liberi Java e OpenSolaris. Sun sta adottando un modello di business basato sull’open source, dopo aver liberato Java, OpenSolaris e aver acquisito MySql.

MySql è un Dbms gratuito, distribuito in circa 100 milioni di esemplari nel mondo e scaricato al ritmo di 50mila copie al giorno. Utilizzato da Google, Facebook, YouTube o Second Life, ma anche da grandi nomi dell’industria, come Nokia o Toyota.

Con l’acquisizione di Sun da parte di Oracle, Oracle e Sun insieme controlleranno una buona fetta del mercato tape storage e del mercato server Unix di fascia alta: Oracle va a sfidare direttamente Ibm e Hp.

N el mercato server

IBM detiene il 33%, seguita da HP al 30%, Dell all’11% e Sun al 10% (fonte: Gartner, quarto trimestre).

Nel mercato storage da 27.7 miliardi di dollari di ricavi IBM oggi è terza con il 16.2 percento, mentre Sun è quinta con il 6.1 percento (fonte: Idc), mentre Hewlett Packard è prima e detiene il 19.6 percento.

I tentativi di Sun nel cloud computing sono noti: Sun ha sfidato Amazon fra le nuovole, con i servizi Sun Cloud . Inoltre Sun ha creato StarOffice di Sun, alla base del software libero OpenOffice.org, la suite per ufficio open source.

Infine Sun è anche attore del mercato chip con i processori Niagara .

Con questa mossa, Oracle si aggiudica un’importante azienda attiva nell’Open source: secondo Idc , Linux è destinato a crescere grazie alla recessione. Come effetto della crisi, il 50% dei manager It passerà a piattaforme Gnu/Linux. Sembra proprio che Oracle, la cui ultima trimestrale non ha sofferto la recessione, ancora volta abbia fatto l’acquisizione giusta, nel momento giusto.

Leggi: Le società di analisi: Oracle entra nel mercato hardware e sistemi operativi

Guarda: Videointervista a Sergio Rossi, amministratore delegato di Oracle Italia – Timidi segnali di ripresa del mercato

Di’ la tua in Blog Cafè: E ora Oracle si compra Sun

Per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie del mercato iscriviti alle newsletter di NetMediaEurope, clicca qui !

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore