Oracle chiude oggi OpenWorld

Aziende

All’Oracle OpenWorld di San Francisco si parla di semplicità e database, messaggistica aziendale e suite collaborative nel prossimo futuro dell’azienda di Larry Ellison

Dopo Business Intelligence 10g, e dopo aver reso disponibile il software per SuSe Linux Enterprise Server 9, ecco le altre numerose novità in arrivo da Oracle: all’insegna della semplicità d’uso e della collaborazione. Ma andiamo con ordine. Oracle Collaboration Suite 10g viene posticipata al 2005. Ma messaggistica aziendale instantanea (IM), VoIp e wireless sono alle porte in Oracle, anche se in ritardo. All’Oracle OpenWorld di San Francisco, oggi in chiusura, si sono affrontate tuttavia anche altre tematiche: una di queste riguarda l’integrazione dei dati, da garantire mediante i data hub. I data hub, che rappresentano uno strumento di business intelligence, dovranno risolvere i problemi dei dati dispersi per le aziende, non ancora in grado di migrare a un singolo database globale. Infine Oracle si sta muovendo verso la semplificazione dei database, da una singola suite di applicazioni a un singolo database per rendere a disposizione delle aziende l’implementazione a costi più bassi. Oracle, che negli ultimi cinque anni si è consolidata e ha aumentato i margini di profitto al 40%, sta sviluppando funzioni grafiche destinate alla programmazione in Sql. L’area del mercato Sme è sotto la lente dell’azienda capitanata da Larry Ellison: per competere con Microsoft serve a Oracle un prodotto di business intelligence. Infine Oracle Database 10g, Oracle Application Server 10g e Oracle Real Application Clusters, Oracle Collaboration Suite e Oracle E-Business Suite 11i 10 sono state testate e certificate per implementazioni su Novell Suse Linux Enterprise Server 9:Oracle e Novell hanno certificato l’ultima offerta per Linux.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore