Oracle porta il grid computing sulle applicazioni mobili

Aziende

Gestione semplificata, sicurezza avanzata, sincronizzazione e tool di sviluppo agevolano la creazione, l’implementazione, l’amministrazione e l’utilizzo delle applicazioni mobili

Oracle ha annunciato il rilascio di Oracle Database Lite 10g, il primo database che estende la potenza del grid computing anche all’utenza mobile. Oracle Database Lite 10g, permette di accedere costantemente alle informazioni e alle applicazioni senza richiedere una connessione permanente ai sistemi back-end aziendali. Quando l’accesso alle informazioni e alle applicazioni critiche non è possibile, pratico o desiderabile, Oracle Database Lite 10g consente comunque agli utenti mobili di lavorare al meglio anche in località prive di coperture di rete o con connessioni scarsamente affidabili o non protette. Ricorrendo a un server per la sincronizzazione bidirezionale dotato di un modello di pubblicazione e abbonamento, Oracle Database Lite 10g consente all’utenza mobile di sincronizzare i dati fra database aziendale e dispositivi portatili in modo trasparente e ad intervalli regolari; inoltre, essendo indifferente al mezzo di trasferimento, consente di inviare le informazioni con qualsiasi connessione LAN, wireless, satellitare o radio. In caso di guasto alla rete il sistema di recovery avanzato presente in Oracle Database Lite 10g consente agli utenti di riprendere l’attività dal punto esatto in cui si era interrotta. Il componente Mobile Manager presente in Oracle Database Lite 10g consente di amministrare e monitorare l’intera “catena della mobilità” da un’unica console basata sul Web attraverso funzionalità avanzate per la gestione di applicazioni, sistemi, sicurezza e apparati. Gli ambienti di sviluppo Oracle Database Lite 10g comprendono il supporto di tool Java e .NET come Oracle JDeveloper 10g e Microsoft Visual Studio .NET. Oracle Database Lite 10g supporta inoltre l’interfaccia ADO.NET fornendo agli sviluppatori superiori livelli di integrazione, produttività e performance fra gli ambienti Java e .NET. Per realizzare le applicazioni è possibile ricorrere a diversi linguaggi di programmazione come Java, C/C++ e Visual Studio per piattaforme Linux, Microsoft Windows CE/NT/2000/XP/2003, Palm OS e Pocket PC.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore