Ottimismo al CeBIT 2005

E-commerceMarketing

Tutti i numeri della fiera Ict di Hannover al convegno di apertura

Grazie ai recenti dati del Rapporto Eito, all’edizione 2005 di CeBIT si respira ottimismo

nell’Ict. Un ottimismo che si rispecchia anche nei numeri di CeBIT ad Hannover : circa 200 espositori più dell’anno scorso (con 87 aziende italiane) con numerose novità nella telefonia mobile, home entertainment, VoIp e WiFi. Il polo fieristico di Hannover ha aperto i battenti, fino al 16 marzo, con un convegno di apertura in cui sono state raffrontate le cifre dell’edizione 2005 rispetto a quella dello scorso anno: 6.270 espositori (contro i 6109 dell’edizione 2004), 27 padiglioni, 316.716 metri quadrati espositivi (contro i 315.920 del 2004), più di sessanta paesi rappresentati. L’ottimismo del CeBIT si legge quindi in questi numeri, in aumento e nelle previsioni del Rapporto Eito che vede l’Europa nel 2005 raggiungere livelli di crescita superiori a quelli di Stati Uniti e Giappone. Nel primo giorno di apertura dell’evento in ambito telefonia mobile sono stati protagonisti Motorola, con il modello frutto dell’accordo con Apple, Samsung con il cameraphone da 7 Megapixel, Nokia, forte di un recente accordo con Microsoft per portare la musica sui cellulari e presente ora al CeBIT con lo smartphone 6680. In ambito consumer sono protagonisti i televisori al plasma e Lcd, tra i quali ha fatto la parte del leone il 102 pollici di Samsung, seguiti dai sistemi HDTV ad alta definizione, Home cinema e Windows Media Center per l’intrattenimento digitale domestico. In ambito della fotografia digitale, sono numerose le novità esposte: fotocamere sempre più potenti a accessoriate. Ma è l’intrattenimento mobile, capace di coniugare WiFi e sistemi portatili, una delle presenze più pervasive. Player mp3, Gps, dispositivi da passeggio per tutti i gusti. Infine non mancano i Pc e le novità in termini di chip e processori: a cominciare dai Turion 64 mobile di Amd.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore