Ottimizzare il ciclo di produzione si può

Aziende
Siti di servizio: Industry 4.0, Iva e-commerce, 730 precompilato

Analisi e progetti per l’ottimizzazione operativa dei processi di produzione: AviX, fornito dalla società olandese PQ+, ha permesso di: aumentare la produttività, ridurre lo stock e i tempi morti, migliorare l‘ergonomicità e la qualità del lavoro

Continuiamo a parlare di Industry4.0: la prima fase del nostro intervento consulenziale presso le piccole Aziende Manifatturiere, circa 25 dipendenti, che stiamo seguendo nello sviluppo di Progetti di Automazione Industriale che verranno completati entro il 2017, ha riguardato una attività propedeutica di ‘ottimizzazione’ del ciclo di produzione: è chiaro che ha poco senso ‘automatizzare’ un processo scarsamente efficiente. Durante queste attività ci siamo avvalsi, con soddisfazione, di uno strumento che riteniamo particolarmente innovativo per l’ottimizzazione operativa dei processi di produzione: AviX, fornito dalla società olandese PQ+.

La complessità e la velocità dei processi di produzione moderni aumentano continuamente, l’osservazione “ad occhio nudo” non è spesso sufficiente per riconoscere in modo ottimale tutte le potenzialità di ottimizzazione della produzione: attraverso un’analisi video con AviX le potenzialità di miglioramento possono essere identificate in modo puntuale e convertite in aumento concreto di efficienza.

AviX consente un’analisi trasparente e obiettiva attraverso la registrazione del processo su video, e consente di arrivare ad ottimizzare una stazione di lavoro in soli tre passi, e di bilanciare l‘intero processo con una sola ulteriore fase di analisi: l’ottimizzazione di una linea di produzione può essere realizzata in pochi giorni di lavoro, anche il ri-bilanciamento di una linea non ottimizzata a causa di variazioni di carico può essere realizzato con un semplice meccanismo di ‘drag&drop’.

Nuance: Quattro Pmi su 10 non sanno come aumentare efficienza e produttività

Lo step 1, ‘Video’, consiste nel riprendere i processi di produzione a video, una semplice videocamera è più che sufficiente, e trasferire il video sul computer, dove viene elaborato dal Sistema SW AviX; le sequenze possono essere viste ed analizzate in dettaglio e ripetutamente, insieme con il personale coinvolto; le riprese video non interferiscono con l‘attività in linea e l‘osservazione può essere limitata a soli due o tre cicli di produzione.

Lo step 2, ‘Analisi’, consiste nell’analizzare il video quadro dopo quadro, ed operazione dopo operazione; le tipologie di azioni/operazioni evidenziate sono automaticamente riconosciute e catalogate da AviX, che ne consente la visualizzazione ‘colorata’ nelle categorie
‘a valore aggiunto’, ‘necessaria’, ‘di attesa’ e ‘spreco’, con un concetto di ‘pull&flow’; azioni non ergonomiche sono sempre indicatrici di sprechi e quindi evidenziate in ‘rosso’.

Lo step 3, ‘Azioni correttive’, consente di definire le azioni di miglioramento/ottimizzazione da intraprendere, attraverso una discussione con gli esperti AviX, insieme ai responsabili aziendali dei Cicli di Produzione, ed al personale coinvolto.

I risultati che abbiamo ottenuto sono reali e convincenti: aumento della produttività, in particolare anche nelle procedure di set-up e manutenzione; riduzione dello stock, riduzione dei tempi morti, miglioramento dell‘ergonomicità e della qualità del lavoro, ma soprattutto, Personale coinvolto e motivato, attraverso la partecipazione nelle riprese, nella analisi e nello sviluppo congiunto e concordato delle azioni di miglioramento!

Secondo la nostra esperienza, possiamo dunque considerare AviX un concreto, efficace Strumento per il Miglioramento Continuo delle Attività di Produzione per le PMI.

a cura di Vincenzo D’Appollonio,  Partner The Innovation Group