Otto criteri per sviluppare un sito adatto al nuovo algoritmo Mobile friendly di Google

Dispositivi mobiliMobility
L'algoritmo di Google penalizza i siti non mobile-friendly
1 4 Non ci sono commenti

Dal 21 aprile, il nuovo algoritmo mobile friendly di Google privilegia i siti ideati, per adattarsi al meglio sui dispositivi mobili (smartphone e tablet). E penalizza i siti non ottimizzati per la visualizzazione su Mobile. Ecco 8 criteri per evitare il MobileGeddon

I Seo temono l’arrivo del nuovo algoritmo di Google. Dal 21 aprile, il nuovo algoritmo mobile friendly di Google privilegia i siti ideati e sviluppati, per adattarsi al meglio ai dispositivi mobili (smartphone e tablet).

L'algoritmo di Google penalizza i siti non mobile-friendly
L’algoritmo di Google penalizza i siti non mobile-friendly

Il roll-out era stato annunciato lo scorso febbraio, ma Google aveva avvertito i Seo della nuova penalizzazione a fine 2014. E i Serch engine optimizer (Seo) temono la data del 21 aprile come un “Mobilegeddon“, ovvero “Armageddon di natura Mobile”, perché dovrebbe tagliare i fuori i siti non ottimizzati per venire visualizzati sui dispositivi mobili (smartphone e tablet).

Invece il nuovo algoritmo premia i siti Mobile friendly. Dunque, vengono meglio posizionati i siti ottimizzati per essere visualizzati sulle varie dimensioni dei dispositivi mobili.

Come si distingue una pagina mobile-friendly?

  • Evita i software non comuni sui dispositivi mobili, come Flash;
  • Usa testi leggibili senza effettuare lo zoom;
  • La dimensione dei contenuti si adatta alllo schermo, senza sogno di scroll orizzontale o zoom;
  • I link vengono aperti a parte, in una nuova finestra.

Per assicurarsi che la propria pagina sia mobile-friendly, ecco altri 4 criteri da seguire:

  • Controlla le pagine con Mobile-Friendly Test;
  • Leggi la nostra documentazione aggiornata sulla Webmasters Mobile Guide su come creare e migliorare il sito mobile;
  • Guarda il Mobile usability report in Google Webmaster Tools, che evidenza i maggiori problemi di usabilità mobile attraverso l’intero sito, non solo una pagina;
  • Controlla l’how-to guide for third-party software come WordPress o Joomla, per  migrare il sito web ospitato su un CMS (Content Management System) per utilizzare i template mobile-friendly.
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore