Otto mesi di detenzione per Mafiaboy

Network

Dovrà scontare otto mesi di carcere il giovane pirata canadese accusato lo scorso gennaio per aver attaccato i grandi siti della Rete quali Yahoo, Cnn e e Bay

Assolutamente illegale. Vietato utilizzare per scopi pubblici. Punizioni penali per i trasgressori.! Probabilmente non sono serviti gli avvisi per Mafiaboy, il pirata che sconterà la pena in un carcere minorile. Il messaggio si riferisce al lancio del software destinato a provocare degli attacchi definiti Dos Denial of service utilizzati dal quindicenne canadese lo scorso febbraio. Recuperato tramite lintermediario di un forum di discussione, lapplicazione era stata installata dal giovane sui pc di 50 università a loro insaputa. Il 7 febbraio Mafiaboy, nickname autodefinito (fiero di aver dimostrato al mondo che i migliori hacker hanno origine canadese) è in grado di attivare contemporaneamente tutti i software catturati e bloccarli per diverse ore. Ciò provoca uno dei più grossi attacchi di prateria mai subiti in Rete. Il danno avrebbe superato la stima di numerosi miliardi di dollari Arrestato il 15 marzo 2000, il processo daccusa ha avuto termine mercoledì 12 settembre a Quebec riconoscendo 57 dei 67 capi daccusa. Condannato dal Tribunale dei Minori, dovrà trascorrere otto mesi in un carcere minorile con lunica eccezione di vedere la sua famiglia. Inoltre Mafiaboy avrà lobbligo di lavorare o frequentare il liceo e verserà in beneficenza 175 euro. Il procuratore Louis Miville-Deschênes, ha dichiarato a Reuters, Il messaggio che vogliamo trasmettere agli hacker è evidente bisogna assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Laccaduto è grave, ha indebolito un intero sistema di comunicazione, ha aggiunto il Giudice Gilles Ouellet che ha pronunciato la sentenza. Il magistrato ha inoltre considerato che il piano di Mafiaboy era premeditato nei minimi dettagli. Le intenzioni delladolescente erano pari a quelle di un saggio criminale!. Daltro canto Yan Romanowski, avvocato difensore di Mafiaboy, si è dichiarato sorpreso per il verdetto giudiziario affermando Non voleva trarre alcun profitto, ma semplicemente testare i sistemi di sicurezza. Si tratta di una pena eccessiva e non giustificabile. Lascio la decisione alla famiglia, in particolare ai genitori del ragazzo. Gli attacchi sono stati eseguiti dopo la separazione dei genitori di Mafiaboy e larresto che risale a questestate del padre accusato a sua volta di pirateria”. Ma non è che linizio?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore