P2p, la Dottrina Sarkozy in Francia è in dirittura d’arrivo

CyberwarSicurezza

La controversa dottrina dei “tre colpi”, che promette di staccare Internet ai pirati, sfida il Parlamento francese all’ultimo voto: l’Assemblea nazionale dibatte sul progetto di legge, già approvato in prima lettura. La Ue è contraria

La Dottrina Sarkozy , anche nota come la legge dei “tre colpi”, sta per diventare Legge in Francia. L’iter parlamentare d’Oltralpe, che promette di staccare Internet ai chi scarica file illegalmente dal Peer to peer e vuole combattere la pirateria online, cerca l’ultimo voto: l’Assemblea nazionale dibatte sul progetto di legge, controverso e che ha ricevuto molte critiche dalla Ue, già approvato in prima lettura.

In Francia il Presidente Nicolas Sarkozy sceglie il giro di vite contro il P2p illegale. La Francia propone di staccare la spina ai pirati e mettere alla gogna chi fa file sharing illegittimo.

Parigi dichiara guerra al peer to peer e la dottrina Sarkozy potrebbe fare scuola all’estero : l’Italia Berlusconiana si dice attenta (vedi: proposta Luca Barbareschi ), un Isp irlandese l’ha già adottata.

L a bocciatura del Parlamento europeo non frena la Francia nella lotta allo scambio illegale di file in Rete: la proposta di Legge è al rush finale.

La futura Legge prevede che il Provider invii una prima lettera di avvertimento a chi è scoperto; in caso di recidiva una commissione valuterà se è il caso di sospendere l’accesso a Internet. Un registro pubblico dei rei di P2p

illegale verrà messo online, per evitare che chi è stato bandito dal Web cambi Provider per ricollegarsi.

In Francia nascerà l’un Alto Commissariato per la protezione del Diritto d’autore che raccoglierà le denunce dell’industria.

La sinistra francese teme una “caccia all’utente” e la associazione dei consumatori UFC-Que Choisir definisce il progetto mostruoso, anche perché impone una sorveglianza in Rete capillare da parte di privati (e non di autorità).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore