Packard Bell sarà di Acer

Aziende

Con Gateway, Acer compra anche Packard Bell, e dà vita a un’azienda globale
che punta a diventare la numero tre al mondo. Con 24 milioni di pc e 20 miliardi
di dollari nel 2008.

Alla fine le voci sono state confermate. Packard Bell sarà di Acer entro la fine del mese. E’ stato lo stesso Gianfranco Lanci, presidente di Acer Inc. a dettare la scaletta dei prossimi passi che porteranno Acer a diventare il numero 3 del mercato mondiale dei pc.

“Entro la fine di ottobre Acer concluderà, dal punto di vista burocratico, l’acquisizione di Gateway che nel frattempo ha portato avanti la sua opzione di acquisto nei confronti di Packard Bell. Questo significa che inizieremo a definire una strategia di consolidamento in modo da essere operativi con le tre aziende dall’inizio del 2008”, ha precisato Lanci oggi a Madrid.

In poche parole, Acer sarà la capogruppo e deterrà il 100% di Gateway e Packard Bell, posizionandosi in modo forte nei mercati consumer americano ed europeo. La strategia è quella di essere un’azienda multibrand che, gia forte sul segmento professionale con il brand Acer (e l’eredità decennale di Texas Instruments), si posiziona nei retail Usa puntando su Gateway, per mantenere invece alto il brand Packard Bell in Europa.

La nostra visione di integrazione è molto diversa da quella che hanno praticato altre aziende di pc quando, a loro volta, hanno acquisito competitors (ndr, Hp con Compaq): noi non vogliamo uccidere i brand acquisiti nel minor tempo possibile, ma vogliamo mantenerli, perchè ognuno di loro ha un suo punto di forza. Inizialmente le tre aziende agiranno in modo indipendente sul mercato, non saranno delle divisioni di Acer“.

Dal punto di vista del market share, l’obiettivo e di raggiungere la terza posizione del mercato mondiale dei pc, la terza in America e la seconda in Europa, dove l’Italia gioca un ruolo di notevole importanza. Le tre aziende consolideranno il loro giro d’affari a partire dal 2008, con l’intento di diventare un’azienda da 20 miliardi di dollari (oggi Acer ne fattura 12,5) e di vendere 24 milioni di pc il prossimo anno.“L’integrazione delle tre società ci vedrà impegnati per i prossimi 24 mesi – ha continuato Lanci –e selezioneremo i brand in modo da aggredire con forza i diversi mercati. E’ ovvio che il marchio Acer continuerà ad interessare il professional, ma questo non esclude che possa anche approcciare il mercato retail, nonostante Gateway e Packard Bell faranno la parte da leoni in questo comparto”.

Una sfida tutta da giocare, che rimetterà in gioco gli equilibri su un mercato pc che si sta consolidando sempre più attorno a pochi e grandi nomi e che, rispetto a un decennio fa, ha visto drasticamente uscire di scena nomi importanti, quali IBM (ora Lenovo) e la cara vecchia Compaq (ora HP). Adesso è l’ora di Gateway e Packard Bell…

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore