Panda Security stila gli Oscar del malware

CyberwarSicurezza

I laboratori del vendor di sicurezza segnalano le star più sfruttate nel 2008 per diffondere codici maligni: Brad Pitt e Tom Cruise sono i vincitori, invece tra le attrici spiccano Angelina Jolie, Lindsay Lohan, Jessica Alba e Jennifer Aniston

Dopo le statuette agli Oscar di Hollywood, Panda Security rilascia gli Oscar del malware, segnalando le celebrità più sfruttate nel 2008 per diffondere codici maligni: Brad Pitt e Tom Cruise sono i vincitori.

Panda Security ha stilato una classifica di nomi di personaggi famosi utilizzati nel 2008 dai cyber criminali in messaggi di posta per diffondere spam e email contenenti malware. I risultati dell’analisi sottolineano come gli attori di Hollywood siano stati le esche preferite lo scorso anno. Nel dettaglio, Brad Pitt (12.57%) e Tom Cruise (12.14%), spiccano rispettivamente al primo e al secondo posto, rappresentando un quarto di tutte le email pericolose legate a personaggi famosi, aggiudicandosi così l’Oscar del malware.

Anche le attrici occupano posizioni alte. A ngelina Jolie (11.62%),Lindsay Lohan (10.15%) e Jessica Alba (9.52%) si trovano al quarto, quinto e settimo posto. Jennifer Aniston, con il 5.14% è al decimo posto della top ten.

L’elenco include anche cantanti, sia noti che aspiranti tali. B ritney Spears è sul terzo gradino del podio, con il 12.01%, mentre i concorrenti del reality statunitense American Idol si trovano al sesto posto, con il 9.52%. Rispettivamente ottava e nona, Oprah Winfrey (8.08%), la celebre conduttrice televisiva e Paris Hilton (6.64%).

Non è stato risparmiato neanche Fernando Alonso, pilota spagnolo di Formula Uno, all’undicesimo posto (0.72%). Christina Aguilera, Barack Obama, Lewis Hamilton, Tiger Woods, Rihanna, Shakira, Madonna, Scarlett Johansson e Fidel Castro sono alcune delle altre celebrity sfruttate dagli hacker.

Luis Corrons, direttore tecnico dei laboratori di Panda Security sottolinea “i cyber criminali analizzano attentamente quali sono le celebrità più seguite dagli utenti di Internet, nei forum o social network. In seguito li utilizzano per inviare messaggi spam. In questo modo, invitano i destinatari ad aprire le email e visitare i link o eseguire gli allegati contenuti. Questa tecnica è conosciuta come ingegneria sociale. Gli utenti che cadono in trappola, saranno colpiti da ogni genere di malware.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore