VIDEO Parrot Minidrones, chi l’ha detto che devono per forza volare?

Dispositivi mobiliMobility
1 0 Non ci sono commenti

Parrot Minidrones propone la nuova serie di droni da terra, acqua, aria, in grado anche di illuminare il percorso di notte. Registrano video, scattano foto, ‘parlano’ e soprattutto… sono facilissimi da guidare. Ideali per i ragazzi. La vera novità è Hydrofoil, il drone-aliscafo

Aria, acqua, terra… E sì, anche fuoco (è solo luce in verità)! Parrot gioca la carta dei droni con il prezzo ‘limato’ adatti per divertirsi (senza tante preoccupazioni), dedicati ai più giovani e agli adulti che non crescono. Si tratta di droni giocattolo che fanno però cose molto serie, e per agosto l’azienda francese li porterà nei negozi. Si tratta di una vera armata di 13 ‘nuovi’ robot interconnessi da pilotare con i tablet (e gli smartphone) ovunque si voglia. Prezzo massimo 199 euro. Siamo in una fascia diversa da quella del ‘semiprofessionale’ Parrot Bebop.

Ci sono droni adatti per le superfici sconnesse, quelli da gara, i droni cargo che volano e possono ospitare un mini pilota – o i mattoncini delle costruzioni a bordo – i droni notturni che illuminano i percorsi, e c’è anche un drone aliscafo che, a regime, alza le eliche e naviga a pelo d’acqua, ma se incontra un ostacolo, da solo, le abbassa e riprende l’orientamento. Tutti davvero divertenti e, per una volta, tutti davvero a prova di ragazzi e bambini scapestrati.

Parrot MiniDrones JumpingNight_Buzz
Parrot MiniDrones JumpingNight_Buzz

Si tratta della seconda serie di Minidrones Parrot, seconda serie che ha fatto davvero notevoli passi in avanti. Vediamo i diversi modelli nel dettaglio.

Minidrones Jumping, chi non vola salta e corre

La prima tipologia di nuovi Minidrones è quella dei Jumping, sono droni terrestri: rotolano, corrono anche a zigzag e saltano, sono dotati di videocamera grandangolare integrata, microfono, speaker, ci sono nella versione Night con visori notturni (luci a Led con intensità modulabile) e Race, per le gare, in grado di raggiungere la velocità di 13 Km all’ora. Si pilotano in WiFi su doppia frequenza tramite l’applicazione FreeFlight.

Con la videocamera integrata VGA grandangolare questi droni possono registrare e trasmettere in streaming sugli schermi di tablet e smartphone, ma salvano il girato e gli scatti sulla memoria interna da 4 Gbyte. Parrot ha scelto questa risoluzione (VGA) per tenere il prezzo contenuto e perché altrimenti nelle memorie da 1 a 4 Gbyte ci starebbe poco o nulla. I nuovi Minidrones possono emettere i suoni tipici dei robot, ma hanno anche la funzione Walkie-Talkie.

ParrotMiniDrones Airborne Cargo Mars
ParrotMiniDrones Airborne Cargo Mars

Il sistema a molle integrato permette di compiere salti fino a 80 cm di altezza e ritornare in posizione per riprendere il percorso; i droni sono in grado di spingere e spostare gli oggetti più leggeri, con la funzione Road Plan si possono persino programmare i percorsi. L’autonomia della versione Jumping Night (velocità massima di 7 Km/h, Race invece arriva a 13 Km/h) è di circa 20 minuti ma la ricarica è quasi alltrettanto rapida se si acquista a parte il caricatore da 2,6 A.

Minidrones Cargo

I Minidrones Airborne sono quadricotteri. Dopo i percorsi terrestri siamo quindi nell’ambito dei movimenti attraverso l’aria. Anche in questo caso è presente la variante Night, ma è possibile eventualmente acquistare il modello da trasporto Cargo che può ospitare piccoli personaggi o oggetti frutto della fantasia realizzati con i mattoncini. Non ci sono partnership ‘dichiarate’, ma i mattoncini Lego e Duplo sono compatibili e orientativamente si possono creare oggetti sfruttandone fino a sei, o di più se si utilizzano pezzi più piccoli, la fantasia può sbizzarrirsi.

Gli Airborne sono dotati di diversi sensori, si distinguono per la stabilità che conquistano anche quando il pilota semplicemente abbandona tutti i comandi (magari proprio perché non sa cosa fare), per questo sfruttano accelerometro e giroscopio a tre assi che correggono in continuazione la posizione elaborando anche le immagini che la telecamera verticale scatta ogni 16 millisecondi, è la stessa che scatta fotografie che saranno memorizzate sulla schedina da 1 Gbyte di memoria.

Ci spiegano in Parrot che taglio della memoria, pesi, risoluzione delle video/fotocamere sono i tre fattori che incidono infine anche sul prezzo. 199 euro è proprio il risultato del ‘balancing’ tra questi componenti.

Parrot MiniDrones Hydrfoil Orak
Parrot MiniDrones Hydrfoil Orak

Gli Airborne possono volare fino a 18 Km/h, effettuano il giro della morte e i loop anche in mani inesperte, e basta lanciarli in aria affinché si attivino, accendano i motori e si stabilizzino.

 

Minidrones Hydrofoil, a pelo d’acqua

Inutile dirlo, la scena tra tutti i Minidrones è rubata quest’anno da Parrot Hydrofoil. Il drone che ‘vola’ a pelo d’acqua. Hydrofoil è la parte di minidrone volante che abbinato a una struttura nautica lo rende un vero e proprio ‘aliscafo’. Anche in questo caso per pilotare si usa FreeFlight. Si accendono i motori, la parte superiore si posiziona in perpendicolare rispetto all’imbarcazione e grazie alle quattro eliche il Minidrone si solleva di 5 cm sull’acqua, con i pattini che continuano ad appoggiare sulla superficie. Velocità massima è 5 nodi, circa 10 Km/h, minore è l’atrito e più facile sarà la virata. La componente Hydrofoil può essere separata dalla struttura nautica e in questo caso compiere acrobazie direttamente in aria alla velocità di 18 Km/h grazie al telaio superleggero. La proposta Parrot costa in questo caso 169,90 euro ed è possibile scegliere tra due modelli di imbarcazione.

Parrot Minidrones

Image 1 of 16

Parrot_AirborneCargo

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore