Parte il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione per la Pa

NetworkReti e infrastrutture

Spc, l’infrastruttura digitale della Pubblica amministrazione, diventa operativa: promette maggiore efficienza e taglio dei costi

Parte con puntualità il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione, l’infrastruttura digitale della Pubblica amministrazione, diventata la “rete federale” del nostro Paese.

Spc è operativo: il Cnipa ha portato a termine l’integrazione della pubblica amministrazione. L’autostrada digitale della Pa viene definita la più grande rete telematica pubblica in Europa. Ecco Spc in numeri: 16.000 collegamenti ad alta velocità necessari per connettere 58 domini delle amministrazioni centrali e oltre 200 amministrazioni territoriali; integrazione tra oltre un milione di telefoni e oltre 550 mila compute; SPC sfrutta anche una estensione estera (Ripa) che connette

450 sedi della PA in oltre 120 paesi; la banda aggregata passa da 29,3 Gigabit/sec a 70 Gigabit/sec. Spc promette maggiore efficienza, flessibilità, affidabilità e risparmio sui costi (basta pensare all’introduzione del VoIP con la finanziaria). Il Cnipa promette il dimezzamento della spesa operativa annuale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore