Partono i bandi Voucher economia digitale per le PMI lombarde

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Ocse: Italia è PMI friendly, ma può fare di più
1 0 Non ci sono commenti

Potranno partecipare ai bandi Voucher economia digitale per le piccole e medie imprese (Pmi) nei settori del digitale 18 mile aziende tra Milano e Monza e Brianza

Sono circa 18 mila le attività dislocate tra Milano e Monza e Brianza che potranno partecipare ai bandi Voucher economia digitale per le piccole e medie imprese (Pmi) nei settori del digitale, che spaziano dalla produzione di Pc e software alle Tlc e servizi di informazione. Le aziende con sede a Milano e a Monza e Brianza costituiscono il 60% delle imprese totali lombarde con 237 mila addetti complessive nelle due province.

I bandi Voucher Economia Digitale, destinati ad accrescere le proprie competenze e a spingere sull’internazionalizzazione, sono promossi da Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano e Camera di Commercio di Monza e Brianza, in collaborazione con Unioncamere Lombardia e Promos, e finanziano la partecipazione – con voucher – ad un iter strutturato di formazione e accompagnamento personalizzato che punta alla realizzazione di missioni esplorative in Usa e Canada. La partecipazione alle missioni esplorative consente di conoscere nuovi mercati e le loro eccellenze, modalità operative innovative, best practices internazionali, promuovendo nuove relazioni per agevolare la crescita del giro di affari.

Bando Voucher Economia Digitale per PMI

Bando Voucher Economia Digitale per PMI

Milano e Monza e Brianza insieme rappresentano un export di quasi 300 milioni di euro nel 2013, verso Stati Uniti e Canada; invece l’import supera i 340 milioni, totalizzando un interscambio complessivo di circa 640 milioni di euro, il 76% in Lombardia. L’export di Monza e Brianza ha registrato una crescita +2,3% rispetto all’anno precedente.

L’economia digitale rappresenta un settore strategico per la competitività del nostro sistema economico, perché capace di creare valore, incremento del Pil, occupazione e crescita dell’export. Le imprese digitali hanno infatti la capacità di massimizzare le potenzialità del web a servizio della performance imprenditoriale e per questo sono un fattore-chiave su cui tutte le economie più avanzate stanno puntando. La Lombardia vanta importanti professionalità in questo settore, che Regione intende sostenere e promuovere” ha dichiarato l’Assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia Mauro Parolini. “Pertanto, in collaborazione con il Sistema Camerale e Promos lanciamo questi bandi al fine di offrire un percorso di accompagnamento verso l’internazionalizzazione ad aziende che – per cultura e capacita’ proprie, limiti dimensionali e strutturali e, a volte, offerta di servizi non coerente con le necessita’ – restano escluse dai tradizionali percorsi di accompagnamento ai mercati esteri” ha concluso l’assessore.

Le imprese che riceveranno i Voucher, potranno disporre di un team di esperti che offrirà  formazione tecnica, strumenti informativi ad hoc, assistenza personalizzata e accompagnamento nel corso di missioni esplorative all’estero previste nell’autunno 2014. I bandi hanno lo scopo di aiutare le aziende del settore digitale ad incrementare la propria competitività fuori dai confini nazionali, proprio grazie alla conoscenza diretta dei mercati esteri più innovativi, strategici e/o ricettivi, mettendo a punto rapporti operativi con controparti internazionali. “La passione e l’impegno delle nostre imprese possono trovare nuovi stimoli dal contatto con best practices e potenziali partner internazionali” dice Francesco Bettoni, presidente di Unioncamere Lombardia. “Vogliamo mettere a loro disposizione i contatti e le competenze di cui il Sistema Camerale dispone, per sviluppare la loro capacita’ attrattiva in ambito internazionale e la loro competitività”.

Innovazione e internazionalizzazione sono due leve determinanti su cui puntare per aiutare la competitivita’ delle nostre imprese” ha precisato Pier Andrea Chevallard, segretario generale della Camera di commercio di Milano.

Dalla ricerca Web Runners a cura dello Studio Giaccardi&Associati di Ravenna, emerge che le PMI online crescono cinque volte di più rispetto a quelle che non svolgono attività in Rete: “Le più innovative nella comunicazione e nell’interazione, sono PMI con fatturato inferiore ai 50 milioni di euro e meno di 100 dipendenti. Grazie alle opportunità offerte dal Web, sono cresciute economicamente, registrando incrementi del 15% nelle esportazioni e del 34% in occupazione.”

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore