Partenze intelligenti

Workspace

Boot loader Impariamo a usare Grub al posto di LILO

Mi capita spesso di parlare con persone che provano ad usare Linux per la prima volta, attratti dai commenti entusiastici degli amici o dalle recensioni pubblicate dalla stampa specializzata. Limpatto iniziale spesso traumatizzante, viste le notevoli differenze che esistono con i sistemi operativi Windows. Uno degli aspetti che pi disorientano gli utenti meno pratici riguarda il boot loader LILO. Per molti difficile comprendere cos un boot loader e come configurarlo per caricare correttamente Linux. Ma quanti, tra quelli che leggono queste righe, pur avendo una certa esperienza con Linux, hanno dimenticato di reinstallare LILO dopo aver modificato il file lilo.conf, o dopo una ricompilazione del kernel, o un suo upgrade (con conseguente blocco del sistema al successivo reboot)? Ebbene, pur riconoscendo a LILO una grande flessibilit e configurabilit, esiste un boot loader che sicuramente pi flessibile, cio GRUB (Grand Unified Bootloader). In questarticolo non ci dilungeremo su come installare i binari di Grub sul nostro computer. Come per ogni software GNU possibile scaricarne i sorgenti per poi ricompilarli, oppure pi semplicemente procurandosi i binari precompilati per la propria distribuzione in formato RPM.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore