Password: abbiamo un problema

Sicurezza

Molti dipendenti le scrivono su dei foglietti o le salvano nel PC favorendo
le violazioni dei sistemi di sicurezza.

La maggior parte delle violazioni dei sistemi di sicurezza delle società non avviene attraverso sofisticate tecnologie e straordinarie capacità di programmazione, ma semplicemente perché qualcuno ha trovato una password scritta in un foglietto nascosto nel cassetto della scrivania. Secondo uno studio della società Nucleus Research, troppi dipendenti hanno ancora l’abitudine di scrivere la password del PC su carta o di salvarla in un file di testo nel proprio hard disk. La conclusione a cui arriva la ricerca è che in questa situazione è del tutto inutile tentare di rendere le password sempre più complesse se poi vengono messe a disposizione dei malintenzionati in questo modo. Il suggerimento è quello di abbandonare le vecchie password per passare ai nuovi sistemi di riconoscimento biometrici, basati su impronte digitali o riconoscimento della voce.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore