Pc: Gartner prevede l’era utente-centrica

Workspace

Il personal computing ha di fronte a sé nuove sfide da affrontare: le
piattaforme, la virtualizzazione e l’user-centrismo

Nei prossimi cinque anni l’era del Personal computing è destinata a modificarsi, lungo tre direttrici fondamentali: l’upgrade di nuove piattaforme; la virtualizzazione e l’era user-centrica, basata cioè su ambienti centrati sull’utente finale. Gartner prevede quindi un’era utente-centrica al compimento della roadmap per il periodo 2007-2012. Una sorta di rivoluzione copernicana delle infrastrutture It, dove il soggetto si sposta dal Pc all’utente. Gartner prevede cambiamenti notevoli, all’insegna delle nuove piattaforme (sia hardware che software) e della virtualizzazione. Le nuove piattaforme (che avranno un impatto nel biennio 2007 e 2008) sono rappresentate da Windows Vista, il prossimo sistema operativo di Microsoft, e dall’architettura Core di Intel. Per esempio il chip Santa Rosa influenzerà notevolmente il ciclo della durata delle batterie dei notebook (la piattaforma Centrino di quarta generazione arriverà sul mercato a inizio 2007). Nel biennio 2009-2010 farà poi da padrona la virtualizzazione, man mano che la mobilità e la personalizzazione dei sistemi saranno più influenti.A fine della decade Windows Xp dovrebbe definitivamente tramontare (Gartner prevede nel 2009 il phase out). Infine, Gartner prevede l’era user-centrica a partire dal 2011-2012. L’era centrata sull’utente emergerà quando gli utenti It avranno ambienti integrati casa/lavor o: ambienti dove saranno gli utenti a decidere in che ruolo agire, a seconda della scelta home piuttosto che work. Saranno gli utenti a stabilire i setting come il trasferimento dello stato delle sessioni, nel passaggio da un dispositivo ad un altro.Gartner mette l’accento sulla User Personality Portability, dove l’utente sceglie di agire nel ruolo consumer o invece corporate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore