Per gli Italiani l’amante ideale è tecnologica

AccessoriWorkspace

Le classiche due settimane di ferie d’estate si passano in compagnia del
portatile

L’ormai consueta scusa del “cara devo lavorare” si rivela essere la mera verità per cui la maggior parte degli Italiani trascura la propria dolce metà. Una ricerca condotta da Logitech, uno dei maggiori produttori di periferiche per computer, ha indagato sul rapporto tra gli Italiani e il proprio pc portatile mettendo in luce che in media gli italiani che utilizzano un notebook passano più di un terzo della propria giornata davanti allo schermo, mentre solamente un quarto del tempo con i propri partner. Questo significa che in un anno gli infaticabili lavoratori italiani passano

225 ore in più con il computer rispetto alle ore condivise con il compagno/a: vale a dire che le classiche 2 settimane di ferie d’estate si passano in compagnia del portatile. D’altronde il portatile è diventato uno strumento indispensabile per la nostra vita professionale: il tempo e gli spazi dedicati al lavoro si sono ampliati considerevolmente e la flessibilità è diventata una necessità. Ben l’88% degli Italiani infatti, alla domanda se comprerebbero un pc o un notebook hanno risposto un notebook. L’estrema flessibilità e portabilità del notebook ha come risvolto negativo la difficoltà di separare anche fisicamente momenti lavorativi e momenti dedicati alla vita privata. Inoltre un’altra caratteristica negativa del notebook è la mancanza di tutti quegli accessori del pc che aiutano a lavorare comodamente: dal mouse alla webcam, alla possibilità di visualizzare lo schermo esattamente all’altezza degli occhi. Logitech ha condotto questa ricerca in diversi paesi europei per comprendere quali sono le principali difficoltà legate all’utilizzo del notebook a casa e come poter ovviare a tali scomodità, creando mouse, tastiere e webcam che garantiscano un livello di comfort pari alla postazione pc del proprio ufficio. La ricerca è stata condotta dalla società di ricerca 72 Point nel Regno Unito, in Francia, in Germani e in Italia, su di un totale di 4317 adulti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore