Per Greenpeace le console giocano sporco

AccessoriWorkspace

L’ultimo rapporto di Greenpeace si intitola Playing Dirty e punta il dito contro Nintendo Wii, Microsoft Xbox 360 e Playstation 3 di Sony

Greenpeace ha sollevato tante volte il problema dell’e-waste, dell’inquinamento dovuto alla spazzatura hi-tech, a causa delle sostanze tossiche nei prodotti di elettronica di consumo. L’ultimo rapporto Greenpeace si intitola Playing Dirty e punta il dito contro Nintendo Wii, Microsoft Xbox 360 e Playstation 3 di Sony.

Ed emerge che le console giocano sporco: i materiali chimici nocivi usati sono in linea con le normative Ue in materia, tuttavia le tre console del mercato videoludico sono risultate positive ai test per riscontrare la presenza di resina polivinilica (PVC), plastificanti, berillio e bromo.

Il bromo è il denominatore comune di Wii, Ps3 e Xbox 360, mentre i plastificanti sono in livelli alti in Xbox 360 e PS3, e Greenpeace aggiunge: “Nella Nintendo Wii non è stato identificato berillio nei contatti elettrici, e l’uso del PVC e dei plastificanti è apparso limitato. La Playstation 3 è un esempio di circuiti liberi dal bromo, mentre l’Xbox 360 ne fa un uso contenuto“.

In una recente pagella verde di Greenpeace, N intendo e Microsoft erano finite nella lista nera dell’organizzazione ambientalista.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore