Per il 25esimo di Mit Media Lab il Ceo di Google prevede il futuro della telefonia mobile

AziendeMarketingMercati e FinanzaMobile OsMobilityWorkspace

Per i 25 anni del Mit Media Lab, Eric Schmidt delinea il futuro del Mobile, mentre i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology trasformano con LuminAR i cofee table in computer o tabletops

Mit Media Lab, la culla delle nuove tecnologie combinate alla creatività e di una certa visione del mondo hi-tech, il Ceo di Google, Eric Schmidt, ha metaforicamente usato la palla di cristallo per prevedere cosa ci aspetta. Oggi sono circa 4 miliardi i cellulari nel mondo, e tra gli 800 milioni e il miliardo gli smartphone già in uso. E, considerando la velocità della Legge di Moore, aumenteranno le persone che accedono a uno smartphone con Web browser, connettendoli ai già 2 miliardi di utenti online.

Utenti che non hanno mai visto altro della TV, oggi conquistano un browser e vanno a vedere sia siti di intrattenimento che a cercare notizie in paesi dove non c’è trasparenza né apertura democratica. L’accesso al Web avrà forti implicazioni per la società e per il business globale.
Di fronte a questi numeri il primo miliardo di dollari attribuito ad Android, dimostra che è solo l’inizio di una lunga storia.
Per i 25 anni del Mit Media Lab il Massachusetts Institute of Technology ha aperto le porte ai giornalisti per mostrare gli studi dei ricercatori delle Fluid Interfaces: le “interfacce fluide” trasformeranno i coffee table di oggi in computer o tabletops grazie a LuminAR.
Altri ricercatori stanno esplorando altre applicazioni nel settore editoriale, per esempio “aumentando” una rivista con informazioni proiettate su una superficie.

Eric Schmidt, Ceo di Google
Eric Schmidt, Ceo di Google

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore