Per quelli che il DVD non basta

Management

JVC inventa il VHS digitale, un formato molto esclusivo…

Le Major cinematografiche americane hanno già annunciato che cominceranno a distribuire film anche per un nuovo formato il D-VHS. Al momento lunica produttrice di un sistema di Home Theater capace di utilizzare le nuove cassette è JVC, cui spetta anche la paternità del formato video. Chi si chiede perché abbandonare il DVD, che solo ora comincia a far breccia nelle case della gente riceve una risposta sconcertante il DVD non viene abbandonato, semplicemente è destinato al pubblico qualitativamente meno esigente. Per valutare il livello di dettaglio offerto dal nuovo media è necessario dire che una cassetta D-VHS è in grado di tenere fino a 50 ore di video in qualità standard (televisiva) o 4 quattro ore di video ad alta definizione. Una rapida divisione e scopriamo che ogni minuto di video HD occupa in dati lo stesso spazio di 12 minuti di video standard, un divario considerevole. Il lettore di D-VHS al momento ha un prezzo al pubblico di 1999 dollari, cioè circa 2200 euro, proibitivo se paragonato al prezzo dei lettori VHS o DVD, anche considerando i migliori in commercio. Ma le major sono certe che lo spettatore in cerca della qualità massima non avrà problemi a passare al nuovo formato che, tra laltro, possiede un nuovo sistema di criptazione che sulla carta dovrebbe rendere impossibile la duplicazione. I primi titoli usciranno nel corso del 2002 e saranno perlopiù colossal dazione pura come Indipendence Day, Terminator e Rambo, ovvero la tipologia di pellicola che ha ottenuto il maggiore venduto tra i primissimi acquirenti di lettori DVD.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore