Per un pugno di euro

Management

Volete fare acquisti in Rete ma non sapete dove? O non vi fidate a comprare
on-line perché un prezzo non vi convince? Per superare timori e preoccupazioni
provate i servizi che vi permettono di "spuntare" l’offerta migliore.

Se volete passare un po’ di tempo dedicandovi all’e-shopping o desiderate fare acquisti su Internet perché non siete costretti a uscire di casa, dovete avere bene in mente quello che volete comprare e, soprattutto, conoscere un sito di commercio elettronico che lo venda. Può sembrare un’ovvietà ma non lo è. Se infatti non siete degli abituali frequentatori dei negozi on-line o il vostro portale di riferimento per l’e-shopping non vende il cellulare o l’ultima versione di iPod che volete comprare, si rivela piuttosto complicato acquistare in Rete ciò che interessa. Diventa poi ancora più difficile effettuare dei confronti tra le offerte. Se provate a digitare come chiavi di ricerca su Google ?Prezzo Nokia N90? vi trovate davanti ben 333.000 pagine associate a questa query. Nel caso poi che scriviate ?Prezzo iPod 30 Gb? i risultati sono ben 691.000 pagine Web. Individuare le informazioni che fanno al caso vostro all’interno di questa babele di dati è dunque estremamente complicato. Certo si può fare un tentativo consultando i primi dieci risultati, dare un’occhiata alle pagine e incrociare le dita. Se si ha fortuna può anche capitare di trovare un’offerta particolarmente accattivante. Nel caso in cui siate alla ricerca di occasioni, promozioni e sconti vari proposti dai negozi on-line, vi troverete davanti a una barriera insormontabile. Se poi si utilizzano termini troppo generici nel circoscrivere la ricerca, la mole dei risultati diventa ancora più voluminosa. Google e gli altri motori di ricerca sono senza dubbio degli strumenti molto utili ma in questo caso il servizio offerto si traduce ?solo? in una gigantesca quantità di informazioni difficilmente interpretabili. Tra i risultati proposti dai search engine poi sono elencate anche pagine Web che contengono la descrizione delle caratteristiche, le relative recensioni, i commenti degli utenti e semplici accenni al prodotto ricercato in contesti in cui l’argomento principale è un altro. Fortunatamente quando si desidera comprare un prodotto on-line o effettuare un raffronto tra le offerte vengono in aiuto i portali di e-shopping comparativo.

I portali ?cercaprezzo? Si tratta di motori di ricerca tematici (trovate un elenco dei più significativi nella tabella presente a pagina XX) che offrono ai navigatori la possibilità di consultare gratuitamente i prezzi dei prodotti resi disponibili dai negozi di commercio elettronico catalogati nella loro banca dati. Questi portali non devono essere considerati dei negozi on-line. Gli utenti infatti non acquistano niente da questi siti. L’eventuale transazione avviene dopo la consultazione dei siti di e-shopping comparativo ed è eseguita con il singolo negozio di commercio elettronico scelto dal cliente tra quelli visualizzati dal portale che confronta i prezzi sulla base della keyword inserita. Tutte le eventuali controversie legate all’acquisto di un prodotto dovranno dunque essere risolte con i siti di e-shopping con il quale si è effettuato l’acquisto. Questo concetto è chiaramente affermato nelle sezioni dedicate ai termini e alle condizioni per l’utilizzo del servizio di questi portali. È bene quindi ricordare che i servizi comparativi non garantiscono né che i prezzi siano aggiornati, né che le informazioni fornite sulle caratteristiche dei prodotti siano corrette. Di conseguenza rifiutano la responsabilità di provvedere alla riparazione o sostituzione del prodotto secondo quanto previsto dalla relativa garanzia. Nonostante queste affermazioni possano suscitare inizialmente più di qualche perplessità, si tratta di una politica commerciale del tutto legittima. Tutti questi obblighi sono infatti a carico del sito on-line presso il quale si è effettuato l’acquisto. I portali come Kelkoo sono motori di ricerca tematici che in virtù del servizio offerto possono essere assimilati a una guida all’acquisto o, meglio ancora, a delle bacheche on-line. In questo contesto quando un’informazione letta in un annuncio affisso in bacheca non si rivela veritiera, è opportuno indirizzare le lamentele del caso a chi ha posto l’annuncio e non tanto al titolare della bacheca. Allo stesso modo dovrete comportarvi quando utilizzate i portali comparativi. Un altro elemento da tenere a mente è che il servizio di comparazione offerto non è completamente esaustivo: in altre parole questi servizi non catalogano, senza alcuna esclusione, tutti i negozi on-line italiani presenti in Rete, ma solo alcuni. Anche questa caratteristica non rappresenta una debolezza, ma un punto di forza: solo in questo modo è possibile fornire risultati dettagliati e circoscritti alle richieste degli utenti. Se, per assurdo, i portali cerca-prezzo catalogassero nella loro banca dati tutti i negozi on-line, i risultati prodotti da una qualunque ricerca sarebbero un’enorme quantità di informazioni di difficile interpretazione. Il limite dei portali comparativi è casomai un altro: il criterio attraverso il quale vengono ordinati i risultati di una ricerca. In genere infatti i negozi on-line li ordinano sulla base di regole ?commerciali?. Le pagine Web con le offerte dei prodotti attinenti alla singola keyword sono infatti elencate sulla base del traffico generato dal singolo negozio affiliato al portale. Questa limitazione può però essere superata personalizzando la consultazione dei risultati. L’utente infatti può ordinare i risultati secondo il prezzo (dal più basso al più alto e viceversa), o sulla base della popolarità del bene o ancora a seconda del nome del negozio che lo vende. Solo però Buycentral. Excite e Trovaprezzi supportano appieno questa funzione. Altri, come Kelkoo, consentono di conseguire il medesimo obiettivo non tramite la personalizzazione dei risultati, ma tramite un link che identifica la categoria del prodotto ricercato e che viene visualizzato nella pagina dei risultati prodotta a seguito di una ricerca: basta allora un clic sul collegamento per aprire una nuova finestra in cui sono ordinate le offerte che riguardano tutti i beni analoghi.

Confronti e paragoni Tutti i portali di e-shopping comparativi sono strutturati allo stesso modo: dispongono cioè di un motore di ricerca all’interno del quale si inserisce la keyword: si digita il nome del bene, si seleziona la categoria del prodotto che si vuole acquistare e si riceve la lista dei risultati prodotta dall’interrogazione della banca dati del sito. È un vero peccato che non tutti i servizi consentano l’utilizzo degli operatori booleani. Solo Ciao, Excite/Shopping e Kelkoo supportano infatti questa opzione. Gli operatori booleani sono termini ?speciali? che determinano delle relazioni tra concetti. Possono essere combinati per dettagliare meglio l’oggetto della ricerca, limitandone i risultati a un numero ancora più ristretto. I più noti operatori sono AND, OR, NOT. Il primo (significa ?E?) serve per indicare due o più termini di ricerca che devono essere presenti per selezionare nella pagina dei risultati il documento, il sito o, nel caso dei portali comparativi, il prodotto che interessa. Con il secondo operatore (?O?) si selezionano uno o più parole alternative, ma necessarie, per predeterminare i risultati; con il terzo (che significa ?NON?) vengono indicati invece i termini da escludere. La ricerca attraverso gli operatori booleani consente anche l’utilizzo di una tecnica particolare chiamata Nesting che prevede la costruzione di sequenze di comandi complessi, isolando le parole attraverso caratteri speciali (come le parentesi), e specificando così ulteriormente l’oggetto della richiesta. Inoltre tra i portali comparativi solo una minoranza offre una modalità di ricerca avanzata, che preveda cioè l’inserimento di diverse keyword in diversi campi per affinare ulteriormente i risultati. Cerca-Prezzi, Shoppydoo e Trovaprezzi offrono questa possibilità, ma limitano questa scelta all’indicazione del prezzo minimo e di quello massimo. Tutti i portali cercaprezzo prevedono poi una serie di categorie merceologiche consultabili all’interno delle quali sono elencati i beni, e che a loro volta sono suddivise in ulteriori sezioni. Per esempio nel portale Trovaprezzi l’area Informatica è suddivisa in una serie di settori come Componenti Hardware, Consumabili, Software, Computer e molti altri. Ciascuno di questi poi è ripartito in ulteriori gruppi più piccoli: all’interno di ?Componenti Hardware? trovate le sezioni Schede Audio, Schede di Acquisizione, Hard Disc Interni, Masterizzatori e così via. Le categorie sono utili sia quando si consulta la banca dati tramite il motore di ricerca, perché permettono di circoscrivere i criteri di ricerca, e sia quando si vuole consultare una determinata categoria di prodotti, per esempio le fotocamere digitali, perché non si ha un’idea precisa del prodotto da comprare. Kelkoo, Shoppydoo e gli altri portali effettuano un servizio di comparazione su ogni genere di prodotto. Questo dato è stato riscontrato anche dalla prova sul campo effettuata da Computer Idea. Anche se i beni presi in considerazione dal test appartengono tutti alla categoria informatica, il servizio dei portali comparativi è a 360 gradi e non si limita ai beni high-tech. Visto che il database di ciascun portale non è illimitato, è consigliabile consultare più di un portale per avere un servizio completo: solo così è possibile infatti avere un’idea più precisa di prezzi e offerte. Se vi piace acquistare in Rete dunque non dimenticatevi di fare una visita ai portali di shopping comparativo: in un colpo solo potrete mettere a confronto le offerte, e risparmiare scegliendo quella con il prezzo più conveniente. Buoni acquisti!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore