Pew Research Center: Come sarà Internet nel 2020

AziendeCloudMarketingMercati e FinanzaWorkspace
GoDaddy verso l'IPO, la seconda dopo il 2006

Secondo il Pew Research Center Project, Internet nel 2020 si svilupperà intorno al Cloud computing e l’HTML5 ridisignerà la Rete del futuro

La morte del Web, vaticinata da Chris Anderson su Wired, non è avvenuta (o quanto meno è una notizia leggermente esagerata), ma il Web (come lo conosciamo) è minacciato dalla moda delle Web apps nel Mobile, su smartphone e tablet, oltre che dai social media (i Walled Garden di Facebook e Twitter), come ha già detto il padre del Web, Tim Barners-Lee. Allora, come sarà il Web nel 2020? Se lo è chiesto anche l’autorevole Pew Research Center Project, raccogliendo le opinioni di mille fra operatori Internet ed esperti di nuove tecnologie. Cloud computing e HTML5 ridisigneranno la Rete del futuro, ma l’approccio di Web e apps andrà a convergere, proporio grazie alla quinta generazione dell’Html, lo storico linguaggio del Web.

Al sondaggio di Pew, il 35% ha risposto di vedere le apps dominare il modo in cui verranno distribuiti i contenuti, ma il 59% ha scelto il Web, mentre altrei non hanno risposto, forse per mancanza di sfere di cristallo.

I fan delle Web apps prevedono che nel 2020 la maggior parte degli utenti preferirà utilizzare specifiche applicazioni (le apps, piccoli pezzi di software) accessibili da connessioni Internet per lavorare online, giocare, comunicare e creare contenuti. A sostegno di questa tesi, è la semplicità d’uso, unita alla (falsa) percezione e di qualità delle apps rispetto all’open Web. I supporter delle apps ritengono il World Wide Web meno importantante, rilevante ed utile che nel passato.

I fan del Web prevedono invece che nel nel 2020 il World Wide Web (WWW) satà più forte che mai e quanto mai rilevante nelle nostre vite. L’open Web continua a crescere come “non luogo” vitale in cui lavorare, giocare, comunicare e realizzare contenuti. L’Internet economy vale ormai 4,2 trilioni di dollari. Le Apps a cui si accede via tablet e dispositivi mobili (iPad, Kindle, Nook, smartphone, Android), che secondo GigaOM, è la “AntiInternet”, rimarrà come opzione utile specializzata per un numero finito di informazioni ed intrattenimento. Rispetto alle apps, il Web è più importante, utile e domina davvero nella vita delle persone.

Il Web è morto? E nel 2020 ci saranno più Web o apps?
Il Web è morto? E nel 2020 ci saranno più Web o apps?
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore