Phishing: un bollettino di guerra per i consumatori

CyberwarSicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Secondo stime SonicWall, quest’anno le frodi online si sono fatte più subdole

Un’ondata di attacchi di phishing nel corso del mese di gennaio, secondo quanto riportato dai dati stagionali raccolti da SonicWall, si è abbattuta sui consumatori. Negli anni precedenti queste impennate di attacchi phishing e di altri tentativi di frode online coincidevano con l’arrivo degli estratti conto delle carte di credito relativi alle spese di dicembre nella seconda e terza settimana di gennaio, e quest’anno i tradizionali segnali premonitori sono persino più elevati, secondo quanto afferma Andrew Klein, direttore della divisione Email Security presso SonicWall.

“I phisher sono sempre più bravi nel cercare di ottenere il massimo dal fattore rilevanza dei loro attacchi: analizzano infatti i comportamenti delle persone e si presentano in modo credibile al momento giusto per aumentare il più possibile la possibilità di successo delle loro frodi,” ha proseguito Klein. “Durante la stagione dei regali, da novembre a dicembre, persone che normalmente si limitano a pochi acquisti al mese con la carta di credito improvvisamente iniziano ad effettuare numerose transazioni. Non si tratta solo dell’aumento dei volumi, ma dell’uso di strumenti finanziari diversi per cui si tende a non ricordare tutto ciò che si è acquistato e il metodo di pagamento usato. L’incertezza rende le persone vulnerabili alle frodi ed è proprio quello su cui contano i cybercriminali.”

Per preparare gli attacchi, i truffatori utilizzano i mesi di novembre e dicembre per raccogliere gli indirizzi di posta elettronica delle potenziali vittime da colpire poi in gennaio. Mentre le tradizionali attività di spamming hanno registrato un leggero incremento nel corso del quarto trimestre 2007, sono stati gli attacchi Directory Harvest, utilizzati per trovare indirizzi di posta elettronica, ad aumentare in modo significativo, raddoppiando quasi fra il terzo e il quarto trimestre 2007. Secondo le statistiche redatte da SonicWall, ora, a fronte dell’enorme aumento degli attacchi Directory Harvest, la quantità di posta spazzatura come messaggi spam, virus, frodi, directory harvest e Dos (Denial of Service) ha toccato livelli mai così elevati raggiungendo il 97% del traffico complessivo di posta elettronica.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore